Home Politica Elezioni regionali: persone non autonome

Elezioni regionali: persone non autonome

Per le elezioni regionali di domenica 3 e lunedì 4 aprile, le persone che non sono in grado di esercitare autonomamente il diritto di voto per una grave infermità, in particolare per gravi deficit visivi o per impossibilità ad utilizzare le mani, possono votare con l’aiuto di un accompagnatore di fiducia.


Per farlo, le persone interessate devono rivolgersi alle Aziende Usl di residenza per ottenere un certificato che attesti l’impedimento fisico e quindi il diritto ad esser accompagnati all’interno della cabina elettorale.
Il certificato è gratuito. In particolare, gli interessati devono rivolgersi agli ambulatori di medicina legale (o igiene pubblica) dei Dipartimenti di sanità pubblica dell’Azienda Usl di residenza, portando con sé un documento di identità e la tessera elettorale.
Il diritto al “voto assistito” può essere annotato in modo definitivo sulla tessera elettorale. In questo modo non sarà più necessario rinnovare la certificazione ad ogni tornata elettorale, ma basterà esibire la tessera sanitaria. E’ questa una delle importanti novità introdotte, per semplificare la procedura, dalla legge 17/2003 (“Nuove norme per l’esercizio del diritto di voto da parte degli elettori affetti da grave infermità”).
Per ottenere questa annotazione è sufficiente, una volta acquisito il certificato sanitario, rivolgersi agli uffici elettorali dei Comune. L’annotazione vale per tutta la durata della tessera elettorale.
Per conoscere indirizzi e orari degli ambulatori che rilasciano i certificati si può telefonare all’Ausl di residenza.