Home Appuntamenti ‘Festa dei Borghi del Parco Nazionale’ nel reggiano

‘Festa dei Borghi del Parco Nazionale’ nel reggiano

Cerreto Alpi ospiterà domani la prima ‘Festa dei Borghi del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano’, un incontro tra le genti del Reggiano, della Garfagnana, del Parmense e della Lunigiana. La manifestazione è curata dal Consorzio Fare Appennino, da un’idea della cooperativa I Briganti di Cerreto e della Pro Loco di Sologno.

Alle 11 è in programma un convegno su ‘Un Passo dal Tirreno alla Pianura Padana: il Cerreto. I versanti tosco-emiliani nella storia del territorio e delle genti’. Nel corso della giornata, poi, esposizione di prodotti artigianali, agroalimentari, artistici, tipici del territorio del Parco Nazionale. Saranno organizzate visite guidate nell’antico borgo di Cerreto Alpi e ai luoghi che hanno ispirato artisti e scrittori come Cesare Zavattini e Silvio D’Arzo. Sarà anche possibile pranzare a prezzi convenzionati nei ristoranti locali.

Il Consorzio Fare Appennino, che organizza la Festa assieme ai Briganti di Cerreto, è nato all’inizio dell’anno e associa oltre 40 tra cooperative e imprese dell’Emilia e della Toscana. “Sono quattro – spiega l’amministratore delegato del Consorzio, Sergio Fiorini – le Province coinvolte nella scommessa Parco Nazionale, un Parco nato nel 2001 ed in procinto di decollare. Molti sono gli aspetti che le accomunano e le rendono, sotto alcuni punti di vista, similari; altrettante però le caratteristiche che le rendono particolari, uniche e inconfondibili: scorci, tradizioni, usi e costumi tutti da scoprire. Il nostro territorio, dai paesaggi mozzafiato e dalle preziose risorse naturalistiche, dai piccoli borghi raccolti e così ricchi di storia, è senza dubbio colmo di svariate potenzialità da mettere in gioco. L’idea di realizzare la Festa del Parco Nazionale ‘I Borghi del Parco’ parte proprio da questo concetto di base e vuole avere ambiziosamente l’obiettivo di contribuire a valorizzare e far conoscere il nostro Appennino attraverso ‘momenti’ d’incontro tra i territori che fanno parte del Parco Nazionale”.

“I borghi del Parco – spiega Fiorini – ogni anno ospitano molti turisti e visitatori ai quali crediamo debba essere data la possibilità di conoscere a fondo ciò che li circonda anziché limitarsi al piacere della vista di suggestivi paesaggi. L’Appennino ha sempre offerto, soprattutto per i periodi più frequentati, eventi e intrattenimenti di vario genere, ma generalmente le iniziative hanno carattere ‘locale’ e sono circoscritte al territorio di appartenenza. Riteniamo che nell’ottica del Parco Nazionale questa visione debba, in certe occasioni, essere superata al fine di creare un’identità comune, e soprattutto al fine di pubblicizzare, divulgare ed offrire scambio, comunicazione e collegamento tra i diversi comuni, province e regioni del Parco”.