Home Filosofia Filosofia: cena al buio nella sala delle monache a Modena

Filosofia: cena al buio nella sala delle monache a Modena

‘Spegnere la vista’ e lasciare che siano udito, tatto, olfatto e gusto a trasmettere le sensazioni. E’ questo il proposito della cena al buio, in totale oscurità e guidata da non vedenti, in programma domani alle 20, nella Sala delle monache della chiesa di San Paolo.

L’iniziativa, organizzata dal Centro servizi per il volontariato di Modena con l’associazione Api&Aci (il costo è di 30 euro, prenotazione obbligatoria: 059 212003), propone un’esperienza già diffusa in altri paesi europei, come la Germania, la Francia e la Svizzera.

All’Unsicht Bar di Berlino, per esempio, da anni si pranza e cena nel buio completo, come accade a Parigi al ristorante Dans Le Noir, che ha come partner l’associazione Paul Guinot, impegnata in Francia accanto a chi ha handicap visivi, e al ristorante Le Gout du Noir. A Zurigo e Basilea, i ristoranti Blindekuh (la mucca cieca) si propongono di avvicinare i clienti al mondo dei non vedenti, mettendoli in condizione di comprenderne i problemi più pratici, insieme alle loro differenti sensazioni tattili e uditive.