Home Ambiente Sassuolo: telefonia mobile, Comune boccia 6 richieste

Sassuolo: telefonia mobile, Comune boccia 6 richieste

E’ stato depositato per le osservazioni il Piano per le installazioni dei nuovi impianti di telefonia mobile sul territorio sassolese. Ogni anno i gestori delle compagnie di telecomunicazione presentano le loro richieste per nuove antenne o per la riconfigurazione di impianti esistenti o per l’installazione in condivisione su pali già utilizzati da altri gestori.

Il servizio Ambiente supportato dal parere del Servizio Urbanistico e Cartografico del Comune di Sassuolo viene poi chiamato a fornire il suo parere sulle realizzazioni richieste dai gestori (Tim, Vodafone, Wind, H3G).

Quest’anno i gestori hanno richiesto 18 installazioni, fra nuove strutture, riconfigurazioni e condivisioni di impianti esistenti. Il Comune di Sassuolo, coordinando le richieste presentate dai gestori, ha dato parere favorevole alla riconfigurazione di 3 impianti esistenti, alla realizzazione di 3 nuove torri-faro ospitanti impianti di telefonia mobile (di cui 2 previste nel piano del 2005) e all’installazione di 2 impianti su torri-faro esistenti.

E’ stato espresso parere non favorevole alla realizzazione o riconfigurazione di 6 impianti, al fine di tutelare il più possibile la salute dei cittadini, sulla base delle norme del vigente PRG e del regolamento comunale che prevede la possibilità di installare tali impianti in “zone per attrezzature tecniche di interesse pubblico” o su strutture tecniche quali tralicci di impianti di trasmissione, torri faro della pubblica illuminazione o serbatoi dell’acquedotto.

La Regione Emilia Romagna (L.R. n.30/2000 e L.R. n.30/2002) assegna al Comune il compito di coordinare le richieste di autorizzazione presentate dai diversi gestori, subordinando il rilascio delle relative autorizzazioni al perseguimento di obiettivi volti, in via prioritaria, alla prevenzione e alla tutela sanitaria della popolazione e alla salvaguardia dell’ambiente dall’inquinamento elettromagnetico, coordinando le autorizzazioni stesse con le scelte della pianificazione territoriale e urbanistica.
Compete ad ARPA e AUSL valutare la conformità alle norme vigenti dei progetti presentati dai gestori. La modifica di qualsiasi impianto è subordinata al rilascio del parere di ARPA che svolge anche funzioni di controllo durante il funzionamento degli stessi.

Sulla base delle norme del vigente PRG, del regolamento comunale e della legge regionale, il Comune ha respinto le richieste di Vodafone per: la riconfigurazione dell’impianto esistente in via Menotti sul tetto dell’oratorio don Bosco, perché situato in zona incompatibile, anche se l’attivazione è precedente alla stesura del regolamento stesso; nuova installazione in area di ricerca prossima al cimitero monumentale di San Prospero (la zona non rientra fra gli usi consentiti dal vigente PRG e dal regolamento comunale); nuova installazione in area di ricerca fra via Rometta e via Circonvallazione sud est, perché la zona non rientra fra gli usi consentiti dal vigente PRG e dal regolamento comunale. Inoltre la zona di ricerca è prossima al nuovo ospedale.
Respinta anche la richiesta di Tim per l’area di ricerca nella stessa zona di via Rometta, vicina all’ospedale.
Respinte le richieste di Wind per: nuova installazione in area di ricerca prossima alla stazione ferrovaria per Modena, in quanto non rientra fra gli usi consentiti dal vigente PRG e dal regolamento comunale e non esistono strutture tecniche su cui posizionare ripetitori; area di ricerca in zona Rometta perché non rientra fra gli usi consentiti dal vigente PRG e dal regolamento comunale. Anche in questo caso la zona risulta fra l’altro prossima al nuovo ospedale.
E’ possibile che a seguito dei pareri negativi espressi dal Comune di Sassuolo siano presentati altri ricorsi contro l’Amministrazione comunale come è già accaduto nel caso del gestore Vodafone.

Sono stati invece forniti pareri favorevoli per una nuova torre faro in un’aiuola verde di via Valle d‘Aosta (prevista anche nel Piano per l’anno 2005), in condivisione fra più operatori; realizzazione di una nuova torre faro nella rotonda di via Adda (ripetitore Wind); realizzazione di una nuova torre faro nell’area di via Palestro (prevista anche nel Piano per l’anno 2005), a sud del sottopassaggio di via Ancora, in condivisione fra più operatori che andrà a sostituire gli impianti esistenti sulla torre piezometrica di via San Martino di cui è in programma la demolizione. E’ stato espresso parere favorevole alla riconfigurazione di 3 impianti esistenti (2 del gestore Wind e1 del gestore Vodafone).