Home Economia Comitato direttivo Filcem/Cgil sulla Finanziaria 2007

Comitato direttivo Filcem/Cgil sulla Finanziaria 2007

Il Comitato Direttivo del Sindacato chimici-ceramisti energia e manufatti Filcem/Cgil, riunito il 20 ottobre, assume il documento di Cgil, Cisl e Uil relativo alla manovra finanziaria 2007.


Il CD Filcem formula un giudizio sostanzialmente positivo sul dispositivo complessivo della proposta di legge Finanziaria, anche se permangono alcune
ombre che meriterebbero interventi di modifica o di maggiore investimento in particolare sul versante della Ricerca, dell’Università, della Scuola e su quello della Sanità.

Obiettivo prioritario per i lavoratori e per il paese deve essere quello di coniugare l’indispensabile risanamento dei conti pubblici, funzionale al
ruolo del paese non abdicabile in Europa, ad un’ottica di equità rispetto al reperimento delle risorse e alla redistribuzione delle ricchezze
prodotte.

Si apprezzano infatti la rimodulazione delle aliquote IRPEF e l’introduzione delle detrazioni che ripristinano il concetto della progressività fiscale in uno spirito più solidale di rispetto del concetto
della cosa pubblica.
Positivo anche l’intervento marcato verso il recupero di evasione ed elusione fiscale, piaga non degna di un paese civile, attraverso un’azione
combinata sui vari capitoli della manovra.

La Filcem giudica positivamente l’azione svolta da Cgil-Cisle Uil atta ad impedire nella legge un intervento strutturale sulla previdenza e a
convogliare il confronto di merito sulla verifica delle compatibilità, ma anche a dare completamento pieno alla riforma Dini.
Valuta positivamente l’accordo intervenuto sul TFR auspicando l’impegno forte della categoria a dare rinnovata linfa ai fondi pensione contrattuali.

Il CD Filcem lancia l’impegno della categoria ad una capillare campagna di informazione e di assemblee ai lavoratori, ed auspica un impegno di Cgil-Cisle Uil a vigilare affinché l’iter parlamentare non stravolga il senso di indirizzo della manovra per non farla declinare verso la difesa corporativa di interessi particolari che vanificherebbero tutte le speranze di fiducia riposta dai lavoratori e dai pensionati rispetto alla coerenza tra equità e risanamento.

Approvato all’unanimità. Direttivo Filcem Cgil