Home Modena ‘Le fattorie didattiche’: quando l’educazione alimentare entra a scuola

‘Le fattorie didattiche’: quando l’educazione alimentare entra a scuola

‘A tutta frutta’, ‘Giallo formaggio’, ‘Seminiamo buon cibo’. sono solo alcuni titoli dei 29 progetti di educazione alimentare che verranno realizzati nelle scuole modenesi nella stagione 20062007 delle Fattorie didattiche con il contributo della Provincia di Modena e in collaborazione con la Regione Emilia Romagna.


“Le Fattorie didattiche hanno l’obiettivo di recuperare la cultura del territorio rurale – sottolinea Graziano Poggioli, assessore provinciale all’Agricoltura e alimentazione – e avvicinare la comunità ai luoghi di produzione, alla conoscenza dell’agricoltura per una più compiuta educazione alimentare ed ecologica. Vari itinerari didattici permettono di declinare principi e conoscenze ambientali, produttive e nutrizionali in esperienze utilizzando i sensi come veicoli per incontrare e fare propri saperi e sapori antichi e nuovi”.

I numeri della partecipazione al progetto “Fattorie didattiche” sono la migliore testimonianza dell’esperienza fin ad oggi sviluppata. Nell’anno scolastico 2005/06 sono state 940 classi pari a 20 mila studenti a usufruire dei percorsi.
“La visita in Fattoria – spiega Poggioli – favorisce una riflessione sulla possibilità di un modello di vita attento alla salvaguardia dell’ambiente, alla valorizzazione della tipicità, delle radici storiche, della salute e all’utilizzo corretto delle risorse naturali e genetiche”.
Il progetto è supportato dalla formazione con l’organizzazione di corsi, rivolti agli imprenditori agricoli che “scelgono” di sviluppare un’attività di servizio basata sulla multifunzionalità aziendale e al corpo docente di ogni ordine e grado.

La Guida “Fattorie didattiche 2006/07” che riporta i percorsi delle 50 Fattorie accreditate al Circuito Provinciale è stata distribuita nelle scuole, nei punti informativi comunali, nelle biblioteche del territorio provinciale e si può consultare anche sul sito dell’assessorato provinciale all’Agricoltura.