Home Teatro ‘Un marito ideale’, martedì al Teatro Fabbri

‘Un marito ideale’, martedì al Teatro Fabbri

Martedì 18 dicembre alle ore 21.00 sul palco del Teatro Fabbri una commedia di Wilde poco rappresentata in Italia, Un marito ideale con l’allestimento e la regia di Roberto Valerio.

Roberto Valerio, assecondato da una compagnia capace di divertire, divertirsi e dare significato a tutte le sfumature di cui i testi di Wilde sono ricchi, ha portato in scena questa commedia conquistando il pubblico.

Valerio porta alle estreme conseguenze la farsa wildiana, giocando la commedia sullo slittamento dei piani di verità, per cui niente è mai come sembra.

“Niente è come sembra” è il segreto profondo, strutturale, di questo testo, in cui la misera dimensione umana, prima soffocata dalle apparenze e dalla retorica, viene finalmente, con un sorriso, messa a nudo.

A farla da padrone sono le simulazioni e le dissimulazioni messe in atto dai personaggi, nell’irrealizzabile desiderio d’esser ciò che, puntualmente, non sono. Il testo va dritto all’osso della questione e apre interrogativi di sconcertante attualità: è possibile una politica senza compromessi? La questione morale è un fatto privato o pubblico? Qual è il limite oltre al quale ci si può spingere prima di vergognarsi di se stessi?

Scritto nel 1893, Un marito ideale compone con Il ventaglio di Lady Windermere e Una donna senza importanza, la trilogia detta dei “society dramas”, che precedono il titolo più famoso di Oscar Wilde, L’importanza di chiamarsi Ernesto. In questi testi, popolati da tipici personaggi dei drammi salottieri, si dispiega in modo evidente la feroce critica di Wilde alla società borghese, fingendo di celebrarne i modi con conversazioni brillanti e osservazioni irriverenti e frivole, Wilde smaschera e discredita le figure tipiche della sua contemporaneità.

Il tre gennaio del 1895, al Royal Theatre di Londra, va in scena la prima di Un marito ideale ,

Wilde, noto in tutti i salotti per il suo straordinario talento di conversatore, famoso per lo scalpore suscitato dalla pubblicazione cinque anni prima del romanzo Il ritratto di Dorian Gray,soltanto cinque mesi dopo verrà condannato ai lavori forzati per la sua omosessualità e cinque anni più tardi morirà a Parigi in totale solitudine.

PROSSIMI APPUNTAMENTI

02 gennaio 2013 ore 21.00 Il Vento dell’Oriente, con il Royal Mongolian Ballet.

PREVENDITA BIGLIETTI martedì e il sabato dalle 10:30 alle 18:30 orario continuato, giovedì dalle 10:30 alle 14:00, la sera dello spettacolo dalle ore 20:00

Per informazioni e prenotazioni: tel. 059/9120911 infobiglietteria@emiliaromagnateatro.com

www.emiliaromagnateatro.com