Home Vignola S.I.L.Po.L. su riduzione organico del presidio di Spilamberto

S.I.L.Po.L. su riduzione organico del presidio di Spilamberto

Con questo documento il S.I.L.Po.L. (Sindacato Italiano Lavoratori Polizia Locale)  intende mettere a conoscenza tutti i cittadini dell’Unione Terre di Castelli con particolare riferimento a quelli di Spilamberto in merito alla decisione adottata unilateralmente da parte dell’Amministrazione di ridurre l’organico del Presidio di Spilamberto dal 5 gennaio 2013.

Tale decisione disattende l’accordo di programma sottoscritto in data 27/11/2009con la Regione Emilia Romagna e  modificato con Delibera di Giunta regionale del 27/7/2011 n. 1098 che richiede una “ ristrutturazione dell’organizzazione funzionale del corpo attraverso il potenziamento dei presidi territoriali,”.

Tra gli impegni assunti dall’Unione Terre di Castelli,  nell’accordo di programma citato, si prevede inoltre l’incremento dell’organico fino al raggiungimento di 66 addetti entro il 31/12/2014 e considerando che attualmente il corpo di Polizia Municipale è sottodimensionato di almeno 10 unità, riteniamo che eventuali reintegri debbano avvenire  tramite assunzione di nuovi operatori anche a tempo determinato con i proventi di cui all’art. 208 del C.d.S..

Da notare che il trasferimento di un operatore riduce l’organico del Presidio di Spilamberto ad un solo operatore e 4 operatrici di cui una part-time.

Inoltre riteniamo che la scelta di diminuire il numero di agenti nel Presidio e la contemporanea carenza di personale nel Corpo di PM  penalizzeranno il Comune di Spilamberto riducendo la  presenza e la visibilità della Polizia Municipale  con le relative conseguenze, ad esempio lasciando più frequentemente sguarnito il territorio.

Ci sembrava doveroso manifestare la nostra contrarietà a questa decisione e soprattutto darne informazione.

Il Segretario Regionale – Gargioni dr. Stefano