Home Attualita' Il Sindaco di Bologna in sostegno alla raccolta fondi per le cure...

Il Sindaco di Bologna in sostegno alla raccolta fondi per le cure sperimentali di Tommi

virginio-merola-5La comunicazione al Consiglio comunale del sindaco Virginio Merola in sostegno alla raccolta fondi per le cure sperimentali di Tommaso, il giovane malato di leucemia che deve sottoporsi a delle costose cure negli Usa.

“La raccolta fondi che hanno realizzato molti giovani della nostra città per sostenere le cure di Tommi, il caso è su internet e sui giornali, è una grande azione di solidarietà, che è nata da questi giovani e si è diffusa nel mondo scolastico attraverso il passaparola e il tam tam di internet.
Mi hanno chiesto un sostegno come Sindaco e un appoggio alla raccolta fondi, che volentieri ho dato. So che siete stati contattati tutti per lo stesso motivo e che c’è la massima attenzione del Consiglio comunale.
Si tratta di dare un sostegno alla raccolta fondi per una cura sperimentale altamente personalizzata che al momento è possibile ricevere solo nell’ospedale di Philadelphia.

Lo dico per evitare fraintendimenti in sede istituzionale: tutto quanto era possibile fare nel nostro sistema sanitario è stato fatto. Siamo di fronte a un caso particolare di leucemia, c’è questa opportunità di una cura sperimentale, che al momento viene fatta unicamente a Philadelphia. Quindi non si tratta di discutere su quanto è stato fatto in Italia, che è stato il massimo possibile in base alla ricerca scientifica e alla pratica medica, e da questo punto di vista i nostri ospedali esprimono l’eccellenza italiana. Si tratta di comprendere che la cura sperimentale è gratuita nel sistema ospedaliero di Philadelphia ma richiede dei costi per accedervi. In questo senso esprimo la mia solidarietà personale, e credo anche vostra, per contribuire come città a fare in modo che sia possibile dare speranza a questo ragazzo e a tutte le persone che lo stanno aiutando”.

La Giunta e il Consiglio comunale aderiranno all’appello facendo una donazione, e diffonderanno l’appello con tutti i canali a loro disposizione.