Home Modena Time in Jazz saluta Modena con Fabrizio De André

Time in Jazz saluta Modena con Fabrizio De André

Si conclude domani, giovedì 19 luglio, l’avventura di Bper & Time in Jazz che hanno portato ai Giardini Ducali di  Modena la Sardegna di Paolo Fresu e del suo festival internazionale che da 30 si svolge a Berchidda e in altri 18 comuni del territorio nord orientale dell’isola. Giornate che hanno coinvolto la città a 360 gradi con flash mob del trombettista in giro per la citta come un “pifferaio magico”, film, laboratori per bambini, presentazioni di libri e, soprattutto i concerti (Fresu e Bebo Ferra così come Raffaele Casarano e Mirko Signorile hanno portato ai Giardini diverse migliaia di persone) tutti a ingresso gratuito.

 

La kermesse, organizzata in collaborazione con il Comune di Modena e Studio’s, chiude con un doppio appuntamento: si parte alle 18 con un laboratorio didattico per bambini (iscrizioni direttamente ai Giardini alle 17.30) realizzato in collaborazione con Franco Cosimo Panini Editore e incentrato sui volumi della Pimpa, la famosa cagnolina a pois rossi nata dalle matite di Altan, tradotti in lingua sarda e animati per l’occasione dall’attrice Lisa Mazzoli.

Poi, alle 21, un’occasione unica per chiudere il sipario: la proiezione di “Faber in Sardegna”, il documentario su Fabrizio De André firmato da Gianfranco Cabiddu, uscito nelle sale tre anni fa, che racconta il rapporto tra  il cantautore genovese, l’isola e un luogo speciale come l’Agnata, la località nei pressi di Tempio Pausania che elesse a suo buen retiro. Il film raccoglie rare immagini d’archivio, fotografie e spezzoni di filmati familiari, testimonianze di amici e personalità della musica e della cultura che raccontano un De André privato, intimo. E poi gli omaggi dal vivo dei tanti musicisti che si sono esibiti nei vari concerti all’Agnata organizzati per anni, dal 2005 al 2011, dal festival Time in Jazz in collaborazione con la Fondazione De André: tra questi Maria Pia De Vito, Lella Costa, Rita Marcotulli, Cristiano De André, Danilo Rea, lo stesso Paolo Fresu e il compianto Gianmaria Testa.

Immagine di Fabrizio De André nella sua Agnata