Home Fiorano Gemellaggio di Fiorano con la Sardegna: 2 giorni per riflettere sul passato...

Gemellaggio di Fiorano con la Sardegna: 2 giorni per riflettere sul passato e sul futuro

Trent’anni fa, nell’ambito delle iniziative del ‘Settembre a Fiorano’, insieme alla inaugurazione del centro commerciale di via Santa Caterina con il concerto della Banda dei Carabinieri, all’arrivo del mercato settimanale da Piazza De Gasperi, alla inaugurazione della Sala Consiliare, alla mostra storico-fotografica sugli affreschi del santuario e degli interventi di restauro pittorici per la sagra dell’8 Settembre, si celebrò il gemellaggio con i comuni di Bultei, Burgos, Ittireddu e Ozieri con un consiglio comunale aperto, la mostra il Monte Acuto allestita al Castello di Spezzano e l’esibizione del Coro e del Balletto di Ozieri in Piazza Ciro Menotti. L’anno dopo anche Maranello si gemellò durante una visita in Sardegna.

Sono passati trent’anni e allora come oggi, motore di questo incontri è il Nuraghe che sabato 20 e domenica 21 ottobre 2018 ha voluto fermarsi due giorni per riflettere sul tema delle migrazioni ieri e oggi, sul ruolo del circolo e in quale direzioni possono svilupparsi i rapporti di amicizia e collaborazione siglati con il gemellaggio. Lo ha fatto coinvolgendo le amministrazioni comunali di Fiorano Modenese e di Maranello, la Fasi e la Regione Sardegna per rendere la celebrazione del 30° Anniversario del Gemellaggio una opportunità di incontro, di confronto e di elaborazione socio-culturale.

Sabato mattina, 20 ottobre, alle ore 9, all’Auditorium Ferrari di Maranello, si svolge il convegno “Genti in Movimento – Vecchi e Nuovi processi migratori”, nel quale intervengono, coordinati dal dott. Claudio Cernesi, il prof. Antonio Canovi, il prof. Vittorio Iervese e il prof. Giovanni Solinas dell’Università di, il dott. Paolo Prandini, della Caritas della Diocesi di Modena, Serafina Mascia, Presidente Fasi (Federazione Associazioni Sarde in Italia) i sindaci Massimiliano Morini e Francesco Tosi, il presidente del Circolo Mario Ledda. Mario Ledda.

Nella serata di sabato, dalle ore 19 alle ore 21, presso il Circolo Nuraghe a Villa Cuoghi, si esibiranno i gruppi folk ‘Boghes de Costera’ e ‘Gruppo Folk Foresta Burgos’.

Domenica 21 ottobre 2018, dopo la Messa delle ore 8 nella parrocchiale di Fiorano, accompagnata dal Coro Femminile di Bultei  ‘Boghes de Costera’. Si svolge alle ore 10, nella Sala delle Vedute del Castello di Spezzano, l’incontro delle rappresentanze dei Consigli Comunali dei comuni gemelli; la mattinata si conclude con l’esibizione di canti e balli della cultura sarda.

Domenica pomeriggio, mentre dalle ore 15, in Piazza Ciro Menotti, saranno presentati e venduti prodotti sardi,  alle ore 17, al Teatro Astoria, con ingresso gratuito, si svolge uno spettacolo-incontro con l’esibizione del Coro ‘Boghes de Costera’ e del gruppo di ballo ‘Gruppo Folk Foresta Burgos’, la partecipazione dei sindaci dei comuni gemellati di ieri e di oggi intervistati dal giornalista Alberto Venturi, gli interventi di Tonino Mulas, presidente onorario Fasi, Michele Carta del Coordinamento Nazionale Giovani e Bastianino Mossa, componente Comitato Esecutivo Fasi e del vicesindaco Morena Silingardi, la proiezione del filmato sul percorso fioranese dedicato a Pinuccio Sciola.