Home Bologna Quasi 200 Guardie volontarie supporteranno anche per il 2019 la Polizia...

Quasi 200 Guardie volontarie supporteranno anche per il 2019 la Polizia locale della Città metropolitana

Con atto del sindaco metropolitano è stata approvata la convenzione per il 2019 fra Città metropolitana e le forme del volontariato per il coordinamento delle attività di vigilanza piscatoria, venatoria, ambientale e zoofila.
Per assicurare una maggiore efficacia dell’attività di vigilanza faunistico- venatoria la Città metropolitana si avvarrà anche per il prossimo anno del supporto delle 197 Guardie Giurate Volontarie abilitate, così ripartite per associazione: ARCICACCIA 28, Bologna Zoofila 5, CIA 26, FIPSAS 21, ANLC 5, EPS 30, FIDC  52, FIDC Imola 12, Italcaccia 8, Rangers 9 e WWF 1.

L’attività delle Guardie Giurate Volontarie è volta a tutelare il rispetto della legalità e va ad integrare il servizio ordinariamente svolto dal Corpo di Polizia locale della Città metropolitana, contribuendo alla tutela degli interessi pubblici ed al rispetto della normativa vigente in materia venatoria e di pesca, oltre a concorrere alla protezione del patrimonio naturale e partecipare attivamente alla migliore gestione del territorio.
Il coordinamento della vigilanza volontaria sarà attuato mediante riunioni mensili a cui parteciperanno oltre agli agenti della Polizia della Città metropolitana, le Guardie giurate volontarie assegnate alle zone di vigilanza. Gli incontri rappresenteranno un’occasione di aggiornamento formativo e favoriranno un legame più stretto tra il corpo, i volontari e il territorio di riferimento.
Presso la Città metropolitana è inoltre istituito un tavolo tecnico – coordinato dal responsabile del Corpo di Polizia e composto dai rappresentanti di tutte le Associazioni e i Raggruppamenti firmatari della convenzione – dedicato all’esame delle questioni operative.

Il rilascio del decreto di Guardia Giurata Volontaria ittico – venatoria è effettuato dal Dirigente responsabile del Corpo di Polizia provinciale, su richiesta del Responsabile di un’Associazione venatoria, agricola o protezionistica riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente, presente nel Comitato tecnico faunistico – venatorio nazionale come previsto dalla Legge 157/92.

“Per la Città metropolitana – ha sottolineato il consigliere delegato Raffaele Persiano – il contributo di queste associazioni è importantissimo e stanzieremo un contributo di 22 mila euro alle varie associazioni, per queste attività, per ridurre le spese a carico dei volontari. Potrà essere riconosciuta per iniziative tematiche speciali una quota differenziata del 10%”.