Home In evidenza 300mila euro per progetti di integrazione scolastica per ragazzi disabili nelle scuole...

300mila euro per progetti di integrazione scolastica per ragazzi disabili nelle scuole di Sassuolo


Grazie alla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, anche quest’anno, il Comune di Sassuolo , in particolare l’Assessorato all’Istruzione, potrà proseguire nell’attuazione dei progetti di integrazione scolastica di bambini e ragazzi con disabilità e disagio comportamentale.

Nonostante le  difficoltà di bilancio, l’Amministrazione Comunale è riuscita negli anni a garantire numerosi servizi in ambito sociale, educativo, sportivo e culturale; tra questi rivestono un ruolo particolare i progetti di integrazione scolastica degli alunni con disabilità.

La Fondazione è un partner fondamentale  dell’Amministrazione per tutte le azioni che facilitano l’inserimento nella comunità dei soggetti più fragili e quindi, assicurano una maggior coesione sociale. “Il contributo economico erogato – afferma l’Assessore all’Istruzione Maria Savigni – ci permette di affiancare gli alunni con disabilità con personale specializzato, e di sostenerne la frequenza scolastica e l’apprendimento; ma  è anche un riconoscimento alla qualità dei progetti che da sempre questa Amministrazione mette in campo per la gestione e l’assistenza di questi alunni, che vengono seguiti e stimolati con percorsi personalizzati.

Il progetto finanziato è rivolto  ad alunni di tutti gli ordini di scuole, dai nidi alle superiori, e comprenderà la presenza del Personale Educativo Assistenziale,  l’azione svolta dai Tutor negli istituti scolastici di 2° grado, il progetto LIS (linguaggio dei segni) a favore di alunni audiolesi, e l’accompagnamento durante il trasporto scolastico.  La nostra Amministrazione crede fortemente nelle potenzialità educative dei progetti di integrazione scolastica, e ritiene che siano un aiuto fondamentale alle famiglie che devono affrontare spesso un percorso complesso. Il numero dei bambini e ragazzi con disabilità, anche gravi, inseriti in contesti scolastici, è in crescita ovunque, e questo comporta la necessità di risorse sempre più consistenti, sia umane che economiche; investimenti importanti che negli anni hanno permesso di raggiungere alti livelli qualitativi, riconosciuti sia dai docenti che dalle famiglie. Grazie al supporto fondamentale della Fondazione siamo riusciti anche quest’anno a garantire questi interventi educativi, impedendo che le difficoltà economiche e i tagli di bilancio riducano le risorse in questo campo”.