Home Reggio Emilia San Polo: giornate “aperte” nei Centri diurni e Case Residenza per anziani...

San Polo: giornate “aperte” nei Centri diurni e Case Residenza per anziani di ASP Carlo Sartori

Dall’11 al 13 aprile l’ASP Carlo Sartori ha organizzato un programma di giornate aperte e gratuite a cui è invitata a partecipare tutta la cittadinanza.

Attraverso queste giornate ASP apre le porte dei propri servizi socio sanitari per anziani che gestisce per conto degli otto comuni della Val d’Enza.

Il programma contiene eventi relativi ad ogni servizio e che rispecchiano l’approccio alla cura dell’anziano su cui da anni l’Azienda investe in termini di formazione per gli operatori e di attività innovative per gli ospiti delle Case Residenza, dei Centri Diurni e dei Servizi Domiciliari.

In questa prima edizione saranno presentate e fatte sperimentare ai partecipanti anche le cure ” integrative”, o non farmacologiche: una proposta che tiene al centro la persona e attraverso la quale ASP sta lavorando per promuovere il maggior benessere dei propri ospiti.

Da giovedì 11 aprile sarà possibile visitare tutte le case residenza e i centri diurni del territorio (San Polo, Campegine, Cavriago, Montecchio e Sant’Ilario d’Enza) ed approfittare dei momenti di convivialità, degli atelier, delle tombole, dei laboratori e degli spettacoli dal vivo. In tal modo si potrà toccare con mano e conoscere meglio come si lavora in questi Servizi.

Le giornate saranno inoltre l’occasione per visitare le strutture e poter ammirare le mostre di foto e di opere di arteterapia.

Sabato 13 aprile invece, alle 10, nella Biblioteca di San Polo, durante il Festival San Polo Feels Good, si svolgerà una conferenza sui percorsi di cura integrativi (arteterapia, musicoterapia, mindfulness e Reiki). Alle 16, alla Casa Residenza Carlo Sartori, Stefano Genovese presenterà il suo libro “Il bio non è una bufala”.

Inoltre, sempre sabato 13, nelle diverse sedi delle case residenza e dei centri diurni dell’ASP partirà il progetto “Il filo che unisce”, un lavoro a maglia collettivo che si concluderà con la realizzazione di un Albero della solidarietà che verrà esposto in occasione del prossimo Natale.

Tutti i cittadini sono invitati a prendere parte a questa iniziativa che per la prima volta apre le porte a tutta la comunità del territorio.