Home Carpi Le premiazioni di VestiLapam a Carpi: protagonisti i migliori studenti di marketing...

Le premiazioni di VestiLapam a Carpi: protagonisti i migliori studenti di marketing internazionale di Unimore

Alla fine ha vinto il gruppo composto da Federica Sciacca e Giorgio Dal Col che ha collaborato con l’azienda Cosabella. La terza edizione di VestiLapam, il progetto di marketing internazionale per la moda nato dalla collaborazione fra Lapam Confartigianato e il Dipartimento Marco Biagi di Unimore, è andata in archivio con la serata di premiazione che si è svolta al Fashion System Center di Carpi, con dieci gruppetti di studenti che hanno elaborato studi di marketing e sviluppo commerciale relativi al settore moda in riferimento ai mercati di Gran Bretagna Usa e Russia. I vincitori si sono assicurati una borsa di studio del valore di 500 euro, messa in palio da Lapam Confartigianato.

Una trentina in tutto gli studenti coinvolti, dieci le aziende (BluI, Cosabella, Eleonora Amadei, Le Fate, Crisden, Staff Jersey, Opificio Modenese, Idea Tessile, Europull e Paola Davoli, tutte aderenti a Lapam Moda, otto delle quali del territorio carpigiano) per un progetto che sta crescendo e che fa incontrare agli studenti universitari il mondo del lavoro in modo molto concreto, e alle aziende permette di acquisire idee e di conoscere giovani in formazione.

“Questa è un’iniziativa significativa e importante per la nostra città e per il nostro sistema moda” ha affermato il sindaco di Carpi, Alberto Bellelli, mentre il professor Gianluca Marchi (preside della facoltà di Economia di Unimore) e Matteo Bautti referente internazionalizzazione Lapam, hanno ricordato come si è svolto il progetto che si è concluso, simbolicamente, al Fashion System Center proprio per significare la rinascita del settore moda a Carpi.

“Grazie alle imprese e agli studenti – ha concluso il Presidente generale Lapam, Gilberto Luppi –: come associazione proponiamo diversi progetti che fanno incontrare il mondo della formazione e della scuola con quello del lavoro. La strada intrapresa è quella giusta”.