Home Appennino Modenese Focus sull’allerta meteo nella riunione del Centro di Coordinamento soccorsi in Prefettura

Focus sull’allerta meteo nella riunione del Centro di Coordinamento soccorsi in Prefettura

Questo pomeriggio il Prefetto Maria Patrizia Paba ha nuovamente riunito il Centro Coordinamento Soccorsi per esaminare la situazione conseguente all’allerta meteo emessa dalla Protezione Civile regionale. La viabilità principale non ha subito interruzioni significative. L’Anas sta provvedendo agli interventi di ripristino dei tratti danneggiati con il supporto della Polizia Stradale, della Provincia e dei Comuni. Sono stati riaperti nel pomeriggio tutti i ponti della città di Modena.

Sotto sorveglianza il Secchia e il Panaro, ancora interessati dalla piena, che è transitata oltre il comune di Modena. Viene mantenuta la vigilanza attiva da parte dell’AIPO e dei Comuni interessati dal percorso dei due fiumi, che mantengono attivi i Centri Operativi Comunali – COC. Permangono disagi nei comuni montani in particolare per l’interruzione dell’erogazione dell’energia elettrica (in particolare a Montese, Polinago e Pavullo). Enel ha assicurato il ripristino in serata delle 2500 utenze ancora interrotte. Hera conta di riparare i collegamenti del 70 per cento circa delle circa 2300 utenze fuori servizio, per concludere domani la totalità degli interventi.
Continua l’attività dei Vigili del Fuoco e dei Comuni montani per la rimozione delle alberature cadute, per consentire il ripristino completo della viabilità e delle linee elettriche e telefoniche.

Tutti gli enti interessati all’emergenza si stanno adoperando per il progressivo ritorno alla normalità, che può essere affrontata dagli enti interessati nell’ambito delle rispettive competenze.

Alle 20 di oggi termina l’attività del Centro Coordinamento Soccorsi e del Centro Operativo Unificato, che mantengono la vigilanza in raccordo con i Sindaci e i gestori dei servizi essenziali. Proseguono le attività dei Centri Operativi Comunali interessati dalle precipitazioni nevose e dal passaggio dell’onda di piena del Secchia e del Panaro.
Nella circostanza, il Prefetto ha preso atto con apprezzamento dello sforzo profuso da tutti i soggetti interessati per la risoluzione di tutte le criticità legate alle avverse condizioni meteorologiche, invitando al prosieguo delle attività di monitoraggio e controllo della situazione nonché alla prosecuzione degli interventi di completa messa in sicurezza del territorio.

(immagine di repertorio)