Home Ambiente “Adotta una Scuola”, una rete di cittadini responsabili contro le infezioni trasmesse...

“Adotta una Scuola”, una rete di cittadini responsabili contro le infezioni trasmesse dalle zanzare

Un gioco di squadra per sollecitare i cittadini a effettuare i trattamenti larvicidi e a curare orti e giardini, per limitare al massimo la diffusione delle infezioni trasmesse dalle zanzare, come i virus West Nile, Zika, Dengue, Chikungunya e altri. Arrivano i primi caldi e l’Azienda USL di Modena si appella alla responsabilità delle comunità con un progetto pilota di sensibilizzazione, “Adotta una Scuola”, ideato nella nostra provincia e proposto anche alla Regione Emilia-Romagna.

L’obiettivo è creare zone “cuscinetto” nelle aree in cui sono presenti asili nidi, scuole dell’infanzia e scuole primarie, a protezione dei bambini… e dei loro familiari, in particolare i nonni. Sono queste infatti le categorie più colpite dai fastidi e dai rischi delle punture di zanzare e altri insetti, come i pappataci. In queste aree, i residenti sono invitati, anche tramite interventi porta a porta, a effettuare regolarmente i trattamenti larvicidi necessari a limitarne la proliferazione e a prestare attenzione ai ristagni d’acqua. Il progetto ha come capofila i Comuni di Carpi, Camposanto, Maranello e Formigine, ma potrà essere progressivamente esteso su tutta la provincia.

“La gestione virtuosa di un’area limitata come può essere il parco di una scuola, da sola, non è sufficiente a contenere i livelli di infestazione – spiega Giovanni Casaletti, direttore del Servizio di Igiene pubblica dell’Azienda USL –. Solo il 35-40% di tombini e caditoie si colloca in aree pubbliche, mentre il restante si trova in aree private. Quindi gli sforzi e le azioni delle pubbliche amministrazioni non sono sufficienti a contrastare in modo sufficientemente efficace l’infestazione da zanzare. La vera sfida è dunque rappresentata dal coinvolgimento di ciascun cittadino nelle strategie di prevenzione e lotta alla zanzara tigre, alla zanzara comune e ai pappataci, anch’essi responsabili di malattie: vi sono semplici comportamenti che chi risiede vicino a una scuola è invitato ad applicare con attenzione e regolarità. Comportamenti che sono validi per tutti e, se condivisi da tutti, consentono una più ampia protezione dell’intera collettività e in particolare dei più fragili, come bambini e anziani”.

  • effettuare gli appositi interventi larvicidi in tombini, caditoie, griglie di scarico, pozzetti di raccolta delle acque meteoriche (anche negli scantinati e nei parcheggi sotterranei);
  • svuotare subito qualsiasi tipo di contenitore in cui possa raccogliersi l’acqua piovana (anche in minime quantità) come innaffiatoi, sottovasi, giochi per bambini, ecc
  • tenere puliti i cortili e le aree all’aperto da erbacce, sterpaglie e rifiuti di ogni genere;
  • svuotare le fontane e le piscine non utilizzate o eseguire gli adeguati trattamenti larvicidi
  • evitare che si formino raccolte d’acqua in aree di scavo, teloni, bidoni, pneumatici e altri contenitori utilizzati per attività lavorative (cantieri, gommisti, aziende agricole, ecc) o personali (orti e giardini)
  • se serve mantenere depositi idrici, questi devono avere copertura ermetica o con reti a maglie fitte

Nel corso degli incontri effettuati, fin dallo scorso marzo, coi tecnici e con la cittadinanza dei quattro comuni aderenti sono state identificate le scuole e sono state programmate le iniziative porta a porta che forniranno ai cittadini informazioni specifiche sulle modalità di gestione dei propri giardini e orti. A fine maggio si è inoltre conclusa una prima fase di interventi pubblici informativi dell’Azienda USL di Modena sul territorio sul tema delle “arbovirosi”, le infezioni trasmesse da zanzare e pappataci e sulle iniziative di prevenzione, sancendo così anche l’avvio del progetto “Adotta una Scuola”.
“Per i destinatari del progetto è stato realizzato anche un vademecum (consultabile da tutti sul portale Ausl al link www.ausl.mo.it/dsp/zanzara) per conoscere meglio gli insetti e le relative misure di prevenzione dalle infestazioni. In certi periodi dell’estate, caratterizzati da elevati livelli di circolazione, sarà comunque fondamentale la protezione personale dalle punture – conclude Casaletti – come e principale azione per evitare di contrarre infezioni che possono avere esiti anche gravi sulla nostra salute”.

***

foto: da sinistra Luigia Iacoviello, Settore ambiente Comune di Carpi; Giovanni Casaletti, direttore Servizio Igiene pubblica Azienda USL di Modena; Stefania Ascari, direttrice del Distretto sanitario di Carpi; Stefania Gasparini, Assessore all’istruzione Comune di Carpi