Home Trasporti Ferrovie: dalle 21 treni a rischio

Ferrovie: dalle 21 treni a rischio

Prende il via da stasera l’ottobre di
passione per chi viaggia. Alle 21 di oggi inizia lo sciopero
indetto dall’Orsa e da altri sindacati di base che blocchera’ la
circolazione di circa il 40% dei treni a media e lunga
percorrenza. La protesta del personale ferroviario si protrarra’
fino alle 21 di domani.


Ma altri disagi per i viaggiatori sono attesi per il resto del
mese di ottobre, prima per lo sciopero generale del 24 ottobre
che paralizzera’ anche treni, aerei e trasporto pubblico e poi
per una serie di altre proteste nel comparto del trasporto
aereo.

Per questo fine settimana, intanto, Trenitalia assicura che
circolera’ il 62% dei treni e garantisce il collegamento tra
Roma e l’aeroporto di Fiumicino, attraverso il ‘Leonardo
Express’ oppure con servizi automobilistici sostitutivi, in
partenza e in arrivo nel piazzale antistante la stazione di
Roma Termini.

Per domenica 12 ottobre, saranno assicurati tutti gli Eurostar
sulle relazioni Roma-Calabria e Roma-Puglia e viceversa, ad
eccezione degli Eurostar 9363, 9368, 9353 e 9354. Sulle
direttrici Roma-Milano e Roma-Napoli (e viceversa) circoleranno
tutti gli Eurostar con l’eccezione del 9423, 9425, 9430, 9434,
9436, 9437, 9446, 9484. Trenitalia consiglia in ogni caso di
consultare il programma completo dei treni Eurostar, Intercity
ed Espresso sul sito www.trenitalia.com oppure telefonando al
Call Center 892021 (da ogni telefono fisso e senza comporre
alcun prefisso).

Il 22 ottobre sara’ la volta del trasporto aereo per la
protesta di 4 ore, dalle 10 alle 14, del personale di Alitalia.
Il 24 ottobre sara’ invece la vera giornata nera per
lo sciopero generale indetto dai sindacati confederali contro la
riforma delle pensioni e la finanziaria.
Per questa giornata e’ previsto che il personale addetto ad
attivita’ operative delle compagnie aeree, degli aeroporti e
dell’Enav, si fermi dalle 12,30 alle 16,30. Gli addetti alla
circolazione dei treni e delle navi traghetto incroceranno
invece le braccia dalle 9 alle 13 mentre i lavoratori del
trasporto pubblico locale addetti alla circolazione di autobus,
tram, metropolitane e ferrovie concesse, sciopereranno per 4 ore
secondo le modalita’ stabilite a livello locale.


Voli a rischio anche per il giorno dopo, il 25 ottobre,
quando si dovrebbero fermare i controllori dell’Enav dalle 12
alle 16, anche se l’Anpcat, che ha proclamato l’agitazione, si
e’ dichiarata disponibile ad anticiparla di un giorno per farla
coincidere con lo sciopero generale. Ieri, infatti, la
Commissione di garanzia sugli scioperi ha contestato a Cgil,
Cisl e Uil la possibilita’ di ricomprendere il comparto aereo
nello sciopero generale, proprio perche’ il comparto e’ oggetto
di un altro sciopero, quello dell’Anpcat, proclamato gia’ da
settembre per il 25 ottobre.

La disponibilita’ del sindacato dei controllori di volo
potrebbe quindi consentire un accorpamento delle due diverse
proteste nella giornata del 24.
Il trasporto aereo replica comunque il 28 ottobre con una nuova
protesta indetta dagli assistenti di volo di Alitalia, dalle 11
alle 15. Anche su questo sciopero, tuttavia, la Commissione di
garanzia ha fatto rilievi, eccependo la mancanza dei tempi di
preavviso richiesti.