Home Economia Fondo regionale per l’affitto, via alle domande

Fondo regionale per l’affitto, via alle domande

Domani, lunedì 19 aprile, prende il via la raccolta delle domande dei cittadini interessati ad ottenere il contributo economico previsto dal Fondo regionale per l’affitto. A tale bando pubblico possono partecipare i cittadini titolari di contratti di affitto interessati ad un contributo integrativo per il pagamento dei canoni di locazione dovuti ai proprietari degli immobili adibiti ad uso abitativo per l’anno 2004.

Le domande dovranno essere presentate all’Ufficio Casa del Comune presso la sua sede distaccata di via Buon Pastore 31, lunedì, martedì e giovedì dalle 8.30 alle 17.30, mercoledì e venerdì mattina dalle 8.30 alle 12.30, fino al 18 giugno prossimo. Per consentire la compilazione assistita della domanda si invitano i cittadini a voler verificare attentamente la corrispondenza dei dati relativi al reddito e al canone di locazione con la documentazione in loro possesso.

Sono ammessi all’erogazione dei contributi i soggetti che alla data della presentazione della domanda sono in possesso tra l’altro dei seguenti requisiti: – cittadinanza italiana o di uno Stato appartenente all’Ue, o di uno stato non appartenente all’Ue per gli stranieri muniti di permesso di soggiorno o carta di soggiorno;
– titolarità di un contratto regolarmente registrato di locazione ad uso abitativo primario;
– titolarità di un contratto di assegnazione in godimento di un alloggio di proprietà di Cooperativa a proprietà indivisa;
– residenza nel Comune di Modena, nonché nell’alloggio oggetto del contratto.

Il richiedente non deve essere poi assegnatario di un alloggio di Edilizia residenziale pubblica o di un alloggio di proprietà comunale, e non dev’essere titolare di diritti di proprietà, usufrutto, uso o abitazione su un alloggio situato in ambito provinciale. Il richiedente deve poi possedere un patrimonio mobiliare familiare (depositi e conti correnti bancari e postali, titoli di stato, obbligazioni, certificati di deposito e credito, buoni fruttiferi ed assimilati, azioni, partecipazioni azionarie e non azionarie, fondi di investimento) non superiore a 35.000 euro. Il valore dell’Indicatore della Situazione Economica (Ise) non dev’essere infine superiore a 30.000 euro. Il valore ISEE risultante dall’attestazione rilasciata dall’INPS e relativo alla collocazione nella fascia B del richiedente verrà poi diminuito del 20% in presenza di uno dei seguenti requisiti:
– a) presenza di un solo reddito derivante da solo lavoro dipendente o da pensione;
– b) presenza di uno o più redditi da sola pensione e presenza di almeno un componente di età superiore a 65 anni.
Queste condizioni non sono tra loro cumulabili. Dovranno presentare domanda anche coloro che l’hanno già presentata l’anno scorso.

Il Comune procederà all’istruttoria delle domande ed alla verifica del possesso dei requisiti previsti e verificherà, prima dell’erogazione del contributo, l’effettiva situazione economica e sociale del richiedente anche tramite i Servizi Sociali e nei casi non assistiti procederà all’esclusione dal beneficio di tutte le domande che presentano situazioni valutate inattendibili. Il bando di gara relativo ai contributi previsti dal Fondo regionale per l’affitto è disponibile su Internet: Comune Modena.