Home Musica Serate d’estate nel cortile della provincia di Modena

Serate d’estate nel cortile della provincia di Modena

Dai tamburi etnici alla danza hip hop, dal folklore emiliano alle letture d’autore. E’ un cartellone dedicato ad un pubblico curioso, attento alle novità ma anche alle radici della più autentica cultura popolare, quello proposto dalla rassegna “Appuntamenti in Provincia – sere d’estate nel palazzo del Caffè”.

Sei spettacoli, a ingresso gratuito con inizio ore 22, che si svolgono nel cortile del Palazzo della Provincia di Modena a partire da domani.

L’indicazione del palazzo del Caffè l’originaria destinazione dell’edificio ottocentesco costruito per volere degli Estensi.

L’iniziativa è promossa dalla Provincia con il contributo del Comune di Modena e la collaborazione dell’associazione La Manica Tagliata.

Protagonista della serata inaugurale sarà Vladimir Luxuria che propone un raffinato repertorio con canzoni di Fabrizio De Andrè, Erik Satie, Franco Battiato e Jeanne Moreau, intervallate da poesie e testi di diversi autori.

Il programma prosegue martedì 29 giugno con il sassofono, i suoni e le “poesie d’acqua (e aria)” di Claudio Lugo. Uno spettacolo complesso che abbina dialetto ed elettronica, poesia e ricerca musicale.
Venerdì 2 luglio la serata è dedicata al folklore padano, secondo la originale e trascinante interpretazione del Gruppo emiliano composto da Paolo Giacomini, violino e mandolino che ha collaborato anche con Vasco Rossi e Guccini; Gian Emilio Tassoni, contrabbasso, Marco Chiappelli, chitarra e clarinetto e la voce di Roberto Losi, figura storica delle cantine bolognesi. Il repertorio spazia, con ironica disinvoltura, da una lettura rigorosa delle melodie folk, ai canti da osteria fino al cabaret.

Sabato 3 luglio il filo conduttore, invece, è il repertorio popolare dell’Umbria con uno spettacolo di teatro e musica etnica con attori e musicisti, diretto da Renato Maria Rogari.

Lunedì 5 luglio la serata è dedicata ai ritmi e alle coreografie hip hop, proposti dal gruppo Da Crù diretto da Marisa Ragazzo e Omid Ighani; la formazione è considerata tra le più rappresentative della nuova scuola dell’hip hop.

Martedì 6 luglio la rassegna si conclude con il concerto di Franco Nuzzo, tra i più apprezzati tamburellisti italiani, e il gruppo Mani sulla pelle che presentano una autentica festa dei tamburi, incentrata sui ritmi arcaici della musica etnica.