Home Trasporti Scioperi: a rischio paralisi il traporto urbano

Scioperi: a rischio paralisi il traporto urbano

Mercoledì difficile per chi si sposta in città con i mezzi pubblici. Dopo lo sciopero di banche ed esattorie di venerdì scorso, dopodomani, 15 settembre, ad incrociare le braccia saranno i sindacati autonomi Cub e Sult (ex Cnl), che hanno indetto uno sciopero nazionale degli autoferrotranvieri, in occasione del quale i trasporti urbani rimarranno fermi per 24 ore.

Voleranno regolarmente, invece, il 17 settembre, i piloti Alitalia e Airone. Lo ha deciso l’Unione piloti, che ha fatto slittare però lo sciopero al prossimo 25 ottobre.

Il 24 settembre sciopereranno i medici della Cimop (la confederazione italiana dei medici dell’ospedalità privata), per protestare contro l’interruzione della trattativa, in corso da due anni, per il rinnovo del contratto di lavoro scaduto nel dicembre del 2001.

Giovedì 30 settembre si asterrà dal lavoro, dalle ore 14 alle ore 18, il personale dell’Enav dell’aeroporto di Brindisi. Il 15 ottobre, infine, toccherà al personale della Sea dell’aeroporto di Milano Linate, che non lavorerà dalle 14 alle 18.