Home Attualita' Esodo estivo: il piano di intervento della Protezione Civile

Esodo estivo: il piano di intervento della Protezione Civile

ADV


Un piano di intervento per prestare soccorso agli automobilisti incolonnati per ore lungo la rete autostradale, nei giorni più critici dell’esodo estivo o in seguito al verificarsi di gravi incidenti. E’ quello messo a punto anche quest’anno dalla Protezione civile della Regione Emilia-Romagna con squadre di volontari attrezzati con acqua e generi di conforto.


Rispetto agli anni passati, l’intesa raggiunta quest’anno con Autostrade per l’Italia, gli enti gestori delle autostrade A22 Brennero-Trento ed A15 Cisa, i coordinamenti provinciali del volontariato di protezione civile e le relative associazioni nazionali/regionali, prevede procedure più rapide. La mobilitazione dei volontari infatti scatta direttamente dietro richiesta di intervento da parte delle società autostradali alla Protezione civile regionale, ogni qualvolta si verifichino blocchi di traffico superiori alle tre ore. A questo punto è la stessa Protezione civile regionale, attraverso il suo centro operativo, ad attivare i volontari di protezione civile della provincia interessata, affinché uomini e mezzi vengano inviati nei punti indicati, dandone comunicazione a Prefettura e Provincia del territorio coinvolto.


Ogni coordinamento provinciale del volontariato di protezione civile assicura squadre, composte almeno da due automezzi (un pulmino ed un fuoristrada tipo Defender) e due operatori per ogni mezzo, che intervengono sul posto, sotto la direzione operativa delle società autostradali e delle pattuglie della Polizia stradale. A loro volta le società autostradali mettono a disposizione, in punti concordati – sia presso i caselli autostradali, sia lungo l’asse stradale – scorte di acqua potabile refrigerata.


Pur non essendo possibile prevedere il verificarsi di blocchi veicolari prolungati, è stato predisposto un piano di reperibilità dei volontari di protezione civile, sulla base delle previsioni elaborate dalle società autostradali riguardo i giorni più a rischio, in genere coincidenti con i fine settimana estivi. In particolare per quanto riguarda la A1 sono considerati giorni critici il 5 e il 6 agosto, il 21 e il 28 agosto e il 4 settembre. Per la A 14 tutte le domeniche dal 15 agosto all’11 settembre per quanto riguarda i rientri e, per le partenze, i giorni di sabato 6 e 13 agosto.


La Protezione civile regionale sottolinea anche l’importanza della più ampia collaborazione da parte degli automobilisti. Tra le raccomandazioni, quella di evitare di mettersi in viaggio nelle ore e nei giorni più critici, di prestare attenzione alle informazioni che le società autostradali forniscono costantemente sulle condizioni della viabilità e di dotarsi a bordo di acqua e altri utili generi di conforto.