Home Appennino Modenese Echi musicali a Pavullo e Montefiorino

Echi musicali a Pavullo e Montefiorino

Il soprano Paola Matarrese e il violinista Uri Chameides sono i protagonisti dei due appuntamenti di “Echi Musicali” in programma questa sera a Pavullo e Montefiorino.


Nella Chiesa Parrocchiale di Pavullo, alle ore 21.15, il trio composto da Paola Matarrese (soprano), Laura Buzzone (arpa) e Lucio Diegoli (organo) si esibirà nel “Concerto d’Estate: sulle ali del bel canto”. I tre artisti interpreteranno melodie sacre popolari e d’autore ma anche celebri romanze ed arie d’opera tratte dal repertorio belcantistico internazionale, facendo fare agli spettatori viaggio musicale alla scoperta di antiche culture e religioni. Il concerto è a cura dell’Archeo Club di Pavullo.

Paola Matarrese si è diplomata brillantemente in Canto Lirico nel 1997 al Conservatorio di Ferrara. Attualmente è impegnata soprattutto nell’esecuzione del repertorio vocale di musica da camera, del quale ama affrontarne anche le espressioni più popolari e contemporanee, avvalendosi di diverse formazioni cameristiche: dai lieder alle mélodies francesi, dalle canciones spagnole alle antiche canzoni napoletane, fino a toccare il versante jazzistico tradizionale con gli standards di Gershwin, Ellington, Porter.


Il secondo concerto della giornata dal titolo “Espressioni dell’anima”, è in programma a Vitriola di Montefiorino alle 21.15 e rappresenta, invece, un viaggio emozionale sulle note del violino del Maestro israeliano Uri Chameides. L’appuntamente è organizzato da Extro-verso eventi ed ospitato da “Echi Musicali”.


La quinta edizione di “Echi Musicali”, in programma fino al 27 agosto, prevede 34 concerti e toccherà 22 comuni della provincia di Modena, per lo più dell’Appennino ma anche della pianura come Modena, Sassuolo, Carpi e Vignola. La rassegna, che per il terzo anno consecutivo ha come partner il centro commerciale “GrandEmilia”, spazia tra numerosi generi musicali: dalla musica classica al jazz, dalle canzoni di Mina ai frenetici ritmi dei Balcani, dal musical fino alle frizzanti note dei cafè chantant parigini