Home Appuntamenti Sapore di zucca nelle sagre emiliano romagnole

Sapore di zucca nelle sagre emiliano romagnole

ADV


L’Emilia Romagna si veste di arancio. Sarà, infatti, la zucca a spadroneggiare in sagre e fiere tra la fine di agosto e i primi di settembre, tutte dedicate a questo delicato ortaggio dal sapore dolce e vellutato che matura in Emilia Romagna proprio alla fine dell’estate. Insostituibile ingrediente nella cucina tradizionale emiliano romagnola, la zucca si trova come ripieno nei tortelli, come base per marmellate, ottima per i risotti e altro ancora.

La prima tappa ci porta sull’Appennino forlivese, dove sono protagonisti i gustosi Tortelli alla lastra, specialità a base di zucca protagonisti dell’omonima Sagra che si svolge a Santa Sofia dal 26 al 28 agosto, mentre a Bagno di Romagna la Sagra si svolge sabato 1 e domenica 2 ottobre, con degustazioni gratuite di vino novello ed intrattenimento musicale.

Altra tappa per i golosi a Codigoro, piccola località in provincia di Ferrara posta sul ramo del Po di Volano e punto strategico della Strada dei Vini e dei Sapori della provincia di Ferrara. Qui, tra il 26 ed il 30 agosto si svolge l’undicesima Sagra della zucca, con abbondanti tavolate a base di un mix di tortelli e “caplaz”, in una quattro giorni non solo culinaria; luna park, esposizioni artistiche e manifestazioni culturali animeranno infatti la manifestazione. Codigoro è anche un ottima base per escursioni nel Delta del Po: il paese è infatti dotato di un porto turistico, mentre a pochi chilometri troviamo la splendida Abbazia di Pomposa e il Bosco della Mesola.

E’ però a Reggiolo (Re), caposaldo della Strada dei Vini e dei Sapori delle Corti Reggiane, che la celebrazione della zucca raggiunge l’apice. In settembre le due “manches” della Sagra della zucca – la prima il 16,17 e 18, la seconda il 23, 24 e 25 – prevedono cene e pranzi all’interno della Rocca e la possibilità, nelle domeniche di sagra, di ammirare il corteo storico con oltre cento comparse in costumi dell’epoca medioevale. Il corteo rievocherà il passaggio di Carlo V per le terre di Reggiolo e rappresenta l’incontro (effettivamente avvenuto a Mantova) fra Carlo V e Federico II.
Seguirà la disfida dei cavalieri della pianura che rappresentano le quattro antiche contrade di Reggiolo, il tutto condito da abbondanti portate di tortelli di zucca. Obiettivo: ripetere il record storico dello scorso anno, quando di zucche ne furono ‘assaggiate’ 12 quintali. Durante le giornate di festa, non mancheranno eventi culturali, con bancarelle, foto di abiti dell’epoca, artigiani ed antichi mestieri.