Home Appennino Modenese Siglati Accordi quadro per montagna modenese

Siglati Accordi quadro per montagna modenese

Poco meno di due milioni di euro per lo sviluppo della montagna modenese. A tanto ammontano i finanziamenti stanziati nel 2005 che permetteranno l’avvio degli Accordi-quadro triennali sottoscritti da Regione, Provincia di Modena, dalle tre Comunità montane, dai Comuni e da altri soggetti pubblici e privati.

Gli Accordi-quadro sono stati sottoscritti mercoledì 28 dicembre dal presidente della Provincia di Modena Emilio Sabattini, dall’assessore regionale allo Sviluppo territoriale Luigi Gilli, da rappresentanti delle tre comunità montane (Modena ovest, Frignano, Modena est) e dei Comuni.

Gli accordi-quadro rappresentano lo strumento operativo previsto dalla nuova legge regionale per la montagna entrata in vigore nel 2004, ed hanno l’obbiettivo di combattere spopolamento e isolamento, promuovere la valorizzazione delle risorse naturali e dei prodotti tipici, dare nuove opportunità di lavoro ai giovani, migliorare la qualità dei servizi. L’idea di fondo è avviare interventi basati sulla collaborazione tra istituzioni, organizzazioni economiche e sociali, mettendo in rete risorse e progettualità per massimizzarne la ricaduta sul territorio. Un ruolo centrale viene riconosciuto alle Comunità montane, cui la stessa legge regionale affida il compito di promuovere le intese e coordinare i successivi interventi.

“Mettendo insieme progettualità e risorse economiche di diversi soggetti – spiega il presidente della Provincia di Modena Emilio Sabattini – si riesce non solo a dare risposta a problemi strutturali che necessitano di interventi urgenti, ma anche a mettere in campo iniziative che guardano al futuro”.
“Gli Accordi locali costituiscono strumenti operativi che nascono dal territorio e coinvolgono i diversi attori del sistema – commenta Luigi Gilli, assessore regionale alla Programmazione e sviluppo territoriale e cooperazione col sistema della autonomie locali – ma soprattutto sono in grado di massimizzare non solo le risorse regionali, ma tutte le risorse pubbliche destinate alle aree montane, da quelle di origine comunitaria a quelle di origine statale, dei Comuni e delle Province”.

Nell’esprimere soddisfazione per la sigla dei tre Accordi per la montagna, l’assessore provinciale alla Pianificazione territoriale Maurizio Maletti ricorda l’impegno profuso dalla Provincia di Modena per l’attuazione di politiche di sviluppo e qualificazione del territorio.
“Nel quinquennio 2000-2004 – fa notare Maletti – attraverso i principali strumenti di programmazione negoziata sono stati promossi interventi pubblici e privati per oltre 170 milioni di euro complessivi di investimenti. Tra gli interventi recenti ricordo ad esempio quelli di promozione del turismo, come la riqualificazione delle stazioni sciistiche con oltre 400 mila euro di investimenti, oppure in campo sociale l’ampliamento della rete di asili nido (sei progetti) o, ancora, gli interventi sulle infrastrutture viarie. Per quanto riguarda i fondi strutturali dell’Unione europea per l’Obiettivo 2, nel 2005 sono state attribuite risorse aggiuntive per 1 milione e 200 mila euro”.