Home Sassuolo Il Comune di Sassuolo aderisce alla Giornata per la Pace

Il Comune di Sassuolo aderisce alla Giornata per la Pace

“Pace e informazione sono due beni fondamentali a rischio. La pace resta un sogno per miliardi di bambine e bambini, donne e uomini privati dei fondamentali diritti umani. E anche da noi è sempre più in pericolo. L’informazione, sottoposta a pesanti limitazioni e condizionamenti politici ed economici, rischia di essere meno libera e indipendente”.

E’ questo l’appello lanciato dal Coordinamento nazionale Enti Locali per la pace e i diritti umani, della Tavola della pace, della Federazione Nazionale Stampa Italiana e del sindacato dei giornalisti della Rai, un appello a istituire per la giornata di venerdì 10 marzo la “Giornata per la pace”: un appello raccolto e condiviso anche dal Comune di Sassuolo che ha deciso di aderire all’iniziativa.

“Condividiamo a pieno – afferma l’Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Sassuolo Susanna Bonettini – la decisione assunta dall’Assemblea nazionale del Coordinamento degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani di promuovere una campagna “per una informazione e comunicazione di pace” ; una decisione che, tra l’altro, è in piena sintonia con i continui richiami del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi a garantire il pluralismo e l’imparzialità dell’informazione sanciti dall’Articolo 21 della Costituzione, dalle norme dell’Unione Europea e dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.
I temi della pace, della cooperazione internazionale, della solidarietà intesa come azione tesa a condividere i problemi con l’obiettivo di risolverli insieme, sono sempre stati al centro della politica sociale della nostra Amministrazione, che si trova a governare una città nella quale è forte e sentito il tema dell’immigrazione e nella quale convivono diverse etnie di religioni, usi e costumi differenti tra di loro.
Diventano, quindi, fondamentali il confronto e il dialogo tra queste diverse culture, con moderazione e rispetto reciproco, perché la convivenza civile la si costruisce anche con i piccoli gesti quotidiani. Integrazione che non significa annullamento delle differenze e omologazione: al contrario deve essere una pacifica coabitazione e costruttivo confronto che trovino il punto d’incontro nel concetto forte di uguaglianza, per tutti i cittadini, nei diritti, nei doveri, nel rispetto delle regole e nell’idea che la legalità è la pre – condizione indispensabile per ogni processo di solidarietà e convivenza civile e democratica”.

“In questo contesto – prosegue Susanna Bonettini – si può radicare un sentire comune che possa tendere alla valorizzazione delle differenze quale elemento di forza per la crescita sociale, culturale, umana e solidaristica di una società.
Per ottenere tutto questo il ruolo della stampa e dei mass media è fondamentale: come incentivo al dialogo, al confronto moderato senza l’esasperazione dei conflitti esistenti.
La pace è un valore da perseguire e da difendere ogni giorno, per questo motivo – conclude l’assessore Susanna Bonettini – il Comune di Sassuolo ha aderito all’appello e al Comitato promotore della Giornata nazionale per un’informazione e comunicazione di pace del 10 marzo 2006 promossa dal Coordinamento nazionale Enti Locali per la pace e i Diritti Umani, dalla Tavola della Pace, dalla Federazione Nazionale Stampa Italiana, dal sindacato dei giornalisti della Rai (Usigrai) e da numerose altre organizzazioni; invitando le istituzioni scolastiche ad aderire a loro volta alla Giornata”.