Home Bologna Bologna: regista finlandese vince ‘Officinema Festival’

Bologna: regista finlandese vince ‘Officinema Festival’

‘Nessun uomo è un’isola’ (Ei kukaan ole saari), film
sulla solitudine, sull’amore e sul distacco, della finlandese Sonja Linde’n si è aggiudicato il premio (2.500 euro) assegnato dalla giuria della Mostra delle scuole europee di cinema, la sezione internazionale di ‘Officinema Festival’ che si è concluso ieri a Bologna con la proclamazione dei vincitori.


Ei Kukaan Ole Saari è il film di diploma di Sonia Linde’n conseguito alla Scuola di Helsinki in Finlandia: un documentario di poco più di 40
minuti che narra di un uomo che vive con un gatto sulla sua isola. Ogni giorno parla al telefono con la moglie ammalata e lontana.
A questa edizione della Mostra delle scuole europee di cinema hanno partecipato 19 scuole nazionali di cinematografia per un totale di 28 film
di diploma selezionati tutti di ‘alto livello’, come ha voluto sottolineare la giuria presieduta da Peter Von Bagh.

La tredicesima edizione di ‘Visioni Italiane 2006’, il concorso nazionale per corto e mediometraggi, è stato vinto invece da ‘Montesacro’ di Alessandro Celli, 30enne, regista romano che si è aggiudicato il Premio al Miglior Film e il Kodak Short Film Award’, mentre Il Premio ‘Visioni doc’ (la sezione dedicata al documentario) ‘Gara de nord – Copii pe
strada’ di Antonio Martino, un film che riesce a raccontare con molta efficacia e sensibilità la drammatica esistenza dei bambini abbandonati di
Bucarest.

Il premio ‘Luca De Nigris’ ha registrato invece molti lavori realizzati dalle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado.
Fra le scuole primarie ha vinto ‘Il re dell’occhio’ dell’Istituto Comprensivo 8 di Bologna – Scuola Elementare Mario Longhena, classe IV C, mentre fra le scuole secondarie di primo grado ha vinto ‘A Globa… che?’ dell’Istituto Comprensivo di Crespellano (Bologna).
Fra le secondarie di secondo grado il primo premio è invece andato a ‘Blue Bike and White Snow’ del Liceo linguistico europeo ad indirizzo Artistico Sant’Umiltà di Faenza (Ravenna).