Home Economia Per gli artigiani modenesi 15 milioni da UniCredit Banca

Per gli artigiani modenesi 15 milioni da UniCredit Banca

Un ulteriore sostegno per le piccole imprese arriva dalla convenzione firmata oggi a Modena nella sede di UniCredit Banca: un plafond di 15 milioni di finanziamenti nell’ambito del progetto nazionale “bond del territorio” dell’istituto.

E l’operazione di cartolarizzazione delle garanzie portata avanti in tutta Italia con partner diversi, scelti provincia per provincia, vede a Modena l’adesione all’accordo di Fidimpresa (la società di garanzia fidi della Cna) e Co.M.Fidi (Lapam Federimpresa Confartigianato), rispettivamente con 10 e 5 milioni.
Alla firma hanno preso parte Franco Parmeggiani e Daniele Roncaglia, rispettivamente Presidente e Direttore di Fidimpresa Modena; Erenio Reggiani e Francesco Varacca, Presidente e Direttore di Co.M.Fidi; Giancarlo Mattei e Maurizio Sangiorgio, Direttore e Condirettore Regionale Emilia Ovest di UniCredit Banca.

La convenzione prevede come detto il collocamento di questi 15 milioni a favore delle piccole Imprese del territorio, che verrà curato dai due sottoscrittori e da UniCredit Banca dal 20 maggio al 31 ottobre 2007, con erogazione immediata e con ammortamento a partire dal 1 gennaio 2008 della durata di 5 anni (fino al 31 dicembre 2012).
L’obiettivo condiviso è di spostare gli investimenti delle Piccole Imprese dal breve al medio-lungo termine, dopo che il 2006 per il mondo del credito artigiano provinciale, pur offrendo segnali di miglioramento, ha confermato la propensione delle piccole aziende a fare cassa per affrontare problemi immediati di liquidità.
I finanziamenti – destinati a investimenti produttivi, spese per innovazione tecnologica e certificazione di qualità, ricapitalizzazione aziendale, investimenti per la formazione del personale ecc. – verranno erogati con un tasso che è funzione di un rating attribuito secondo i parametri di UniCredit Banca.
Le aziende con rating migliore (R1 – R2) avranno un tasso pari all’indice Euribor di +0,50, ma anche le aziende con un rating molto basso (R6) godranno di un tasso vantaggioso pari a +1,25. Condizioni che, grazie al nuovo bond territoriale, si presentano migliori rispetto a quelle applicate ad oggi da UniCredit Banca alle proprie aziende clienti.

“Con questa operazione, UniCredit Banca conferma il suo impegno a favore delle piccole imprese del territorio – sottolinea Giancarlo Mattei direttore regionale Emilia Ovest di UniCredit Banca – fornendo una risposta alle preoccupazioni delle Piccole Imprese per un possibile aggravamento nelle difficoltà di accesso al credito e nel costo dei finanziamenti. Con questo nuovo progetto, che anticipa le regole di Basilea 2, viene infatti valorizzata la garanzia dei confidi, con effetti positivi sulle modalità e sulle condizioni di accesso al finanziamento bancario da parte delle piccole imprese”.
“Ancora una volta – dichiara Franco Parmeggiani, presidente di Fidimpresa Modena – Fidimpresa, grazie all’azione congiunta con UniCredit Banca, va incontro alle esigenze dei propri soci e, più in generale, alle esigenze del comparto produttivo modenese che necessita di strumenti creditizi, anche innovativi, per cercare di cogliere, in un contesto di economicità, le opportunità offerte da una ripresa che, in assenza di adeguati sostegni, ben difficilmente potrà consolidarsi”.
“Con l’operazione avviata oggi, Co.M.Fidi dà risposta a due delle principali preoccupazioni delle piccole imprese a pochi mesi dall’entrata in vigore di Basilea2 – ha dichiarato Erenio Reggiani, presidente di Co.M.Fidi – ossia un aggravamento nelle difficoltà di accesso al credito e nel costo dei finanziamenti. Quest’operazione è volta a ottenere un recupero di competitività del sistema economico modenese, il cui modello economico-sociale si caratterizza per una peculiare densità del tessuto di imprese piccole e piccolissime”.