Home Bassa modenese Terre d’Argine: botta e risposta sulle scuole dell’Unione

Terre d’Argine: botta e risposta sulle scuole dell’Unione

Qual è la situazione degli edifici ad uso scolastico ubicati nell’Unione Terre d’argine? Che modalità e tempi questa amministrazione si è prefissa per il superamento di eventuali situazioni difformi dalla norma? La nostra amministrazione potrà utilizzare parte degli stanziamenti previsti dalla Finanziaria 2007? Queste le domande che la consigliera Cinzia Principi (Pd) ha rivolto nel corso della seduta del Consiglio dell’Unione di mercoledì 27 febbraio all’assessore alle Politiche scolastiche Giuseppe Schena con una sua interrogazione.

Schena le ha spiegato che sono circa sessanta i plessi esistenti sul territorio dell’Unione, nessuno dei quali ha problemi di agibilità o strutturali. “Abbiamo al 90% realizzato la totale bonifica dall’amianto, ed entro l’estate 2008 termineremo anche l’ultimo stralcio di questi lavori – ha detto Schena -. Rimangono alcuni plessi che hanno però ormai caratteristiche funzionali obsolete, costruiti nei primi decenni del secolo scorso: il Polo per l’Infanzia di Campogalliano e le Scuole di Santa Croce di Carpi e Sozzigalli di Soliera ad esempio verranno superati tra il 2008 e il 2009, abbiamo già iscritto a bilancio le risorse per farlo. Abbiamo poi spinto le scuole a dotarsi di un unico consulente per la sicurezza e i rischi ed abbiamo definito un programma per gli interventi più urgenti in questi campi, lavorando assieme alle istituzioni scolastiche. Per quello che riguarda il Certificato di Prevenzione Incendi il 40% delle strutture educative e scolastiche dell’Unione lo ha già ottenuto; il 20% non deve richiederlo in quanto già dotato degli standard per la sicurezza richiesti per l’antincendio e l’evacuazione; il 20% sta per ottenerlo, mentre per un ulteriore 20% le pratiche sono da avviare. Per quello che riguarda infine le risorse economiche aderiamo ad ogni bando utile e proprio recentemente dalla Provincia sono arrivati fondi (oltre 350.000 euro) nell’ambito di un progetto presentato lo scorso anno per la costruzione del nuovo Polo dell’infanzia di Campogalliano; mentre per le messe a norma ordinarie e straordinarie, per gli ampliamenti e i nuovi interventi di edilizia scolastica punteremo a sfruttare tutte le occasioni di co-finanziamento disponibili nel 2008-2009: è attivo in questo momento un bando Inail per l’adeguamento delle scuole secondarie di primo grado, a cui parteciperemo per i limitati casi necessari”.