Home Bologna Il significato dell’uso di droga dal punto di vista di chi la...

Il significato dell’uso di droga dal punto di vista di chi la consuma

La cannabis viene consumata soprattutto per rilassarsi e per il piacere che provoca, l’ecsatsy viene consumato per divertimento e curiosità, mentre la cocaina, oltrechè per curiosità, anche per aumentare le proprie performance (il 10% degli intervistati ha affermato di aver consumato cocaina sul lavoro). Sono dati preliminari della ricerca nazionale “PCS: Percezione del rischio, comportamenti protettivi, significati attribuiti da parte del consumatore di cocaina”, finanziata dal Ministero degli Affari Sociali, coordinata dall’Osservatorio Epidemiologico sulle Dipendenze Patologiche, dell’Azienda USL di Bologna, e diretta da Raimondo Maria Pavarin.

La ricerca, che sarà presentata domani, nel corso del convegno: “Tra percezione del rischio e ricerca del piacere: i significati attribuiti all’uso delle sostanze.”, alle 9 all’Aula Magna dell’ospedale Maggiore, si focalizza sull’approccio alle droghe da parte della popolazione tra i 15 e i 55 anni, che frequenta locali pubblici, feste private, scuole medie superiori, università, servizi pubblici e privati, analizzando in particolare la percezione dei rischi e dei benefici da parte di chi consuma droghe e lo scopo per cui le droghe vengono consumate. Le variabili prese in considerazione sono relative a reddito, età, sesso, professione.

Dalla ricerca, che ha interessato fin’ora 1873 persone, e che verrà allargata ad altre 20.000 circa, emerge un quadro che conferma solo in parte una serie di luoghi comuni in materia: per esempio, anche questa ricerca conferma che molti cominciano dalla cannabis per poi provare altre droghe, più pesanti, ma al tempo stesso emerge che l’80% di quelli che provano cocaina smettono molto presto. Per quanto riguarda le motivazioni, lo studio ne evidenzia 16, tra le principali: la ricerca del piacere, la curiosità, del benessere, lo svago, lo stare insieme agli altri, l’evasione dalla realtà. Anche l’analisi della relazione tra reddito e scelta di sostanze conferma qualche luogo comune: i più ricchi (al di sopra dei 1100 euro al mese) preferiscono la cocaina, i meno ricchi (tra i 400 e i 500 euro) si “accontentano” dell’ecstasy.

Il 20% degli uomini e il 10% delle donne spende più del 10% del suo reddito in cocaina, mentre, per quanto riguarda i rischi, il 40% ha guidato sotto l’effetto dell’alcol, il 20% ha guidato dopo aver assunto alcol e droga.
I giovani, d’altra parte, usano l’alcol per piacere e divertimento, mentre i più anziani, e con più soldi, preferiscono la cocaina.

Va sottolineato che il campione di questa ricerca non era costituito da tossicodipendenti, ma da persone scelte a caso in situazioni di socializzazione: il 65% ha fatto uso di droghe meno di 10 volte nel corso dell’ultimo anno.