Home Modena San Cesario s/P.: Festival Arcipelaghi sonori 2009

San Cesario s/P.: Festival Arcipelaghi sonori 2009

ADV


musica_3Per il settimo anno consecutivo, con la partneriship di Modena RadioCity e VivoModena, l’Amministrazione comunale di San Cesario sul Panaro organizza nel parco di Villa Boschetti, martedì 18 e mercoledì 19 agosto, il festival di musica etnica Arcipelaghi sonori, ormai considerata una delle più importanti rassegne europee del genere.

Martedì 18 alle 21 saranno sul palco Francesco Benozzo (arpa celtica e voce) e Maddalena Scagnelli (violino e voce) che proporranno un repertorio che spazia tra antichi canti e musica d’autore dell’alto Appennino. Maddalena Scagnelli, cantante e violinista del gruppo Enerbia, è una delle voci più intense dell’attuale panorama folk italiano, oltre che l’animatrice di diversi progetti, fra tradizione popolare e musica del Medioevo, che l’hanno recentemente resa nota al grande pubblico grazie alla presenza di alcune sue esecuzioni nel film di Ermanno Olmi Centochiodi. In questo concerto affianca Benozzo in un inedito attraversamento della terra d’Appennino, che accanto ad alcuni canti tradizionali propone brani dall’ultimo album del cantautore modenese (Terracqueo) giudicato miglior disco del mese (maggio 2009) dalla rivista statunitense “RootsWorld” e selezionato per le fasi finali del Premio Tenco 2009.

A seguire si esibiranno i Chet Nuneta: quattro voci di diversa formazione musica, teatro) e provenienza (Francia, Italia, Spagna) insieme a un percussionista riprendono canti tradizionali di diversa provenienza (Finlandia, Italia, Messico, Egitto, Cina, Rajastan, Romania, etc,..) e li riarrangiano mescolando varie culture canore e ritmi di provenienza eterogenea. Chet Nuneta è oggi riconosciuto come il gruppo creatore del “Neo-Folklore immaginario”, uno spazio culturale e mentale in cui si incontrano tradizione e libertà, e dove la stratigrafa millenaria delle musiche e dei canti è tutt’uno con l’anelito di conoscenza verso nuove frontiere. Questi i componenti della band: Valérie Gardou canto, strumenti ad arco Lilia Roucco voce, castagnette, tammorra, karkabu; Juliette Roussille voce, chitarra, fisarmonica, bodhran, crotales; Daphné Clouzeau canto, strumenti ad arco, bodhran; Michael Fernandez cajòn, nagara, rototom, pakawash, cimbali, sonagli.

Mercoledì 19 agosto, sempre alle 21, si esibirà il gruppo Spontaani Vire: la musica tradizionale finnica si trasforma in questo concerto in un incontro di world music, jazz e rock progressivo. Spontaani Vire è una giovane band che ha già ottenuto riconoscimenti mondiali e menzioni speciali, tra i quali “Miglior gruppo tradizionale del 1996” (Broadcasting Company YLE) e “Group of the Year 1998” (Kaustinen Folk Music Festival), ed è per la prima volta sulle scene italiane in esclusiva per “Arcipelaghi sonori” (unica data italiana del tour mondiale 2009). Questi i componenti della band: Eero Grundström harmonium, armonica; Emilia Lajunen: violino, nychelarpa; Johanna Juhola: fisarmonica, claviola – Sara Puljula basso, percussioni.

A seguire toccherà ai Salentorkestra. Le differenti sonorità del Mediterraneo vengono ripercorse da Salentorkestra con un’attenzione particolare a quegli aspetti che fanno di queste terre un crocevia di culture e lingue millenarie. Dopo una lunga e profonda ricerca effettuata sul campo e collaborazioni musica nel campo della world music, il gruppo presenta il suo primo progetto discografico, proponendo composizioni originali e musiche tradizionali salentine nel contesto più ampio della cultura musicale euromediterranea. Nel ritmo popolare della pizzica, che conduce per gradi alla trance il virtuosismo strumentale e l’ipnosi delle nenie colorano sapientemente l’esecuzione, sempre rispettosa della danza catartica e liberatoria. Questi i componenti della band: Giancarlo Paglialunga tamburelli, voce; Massimiliano Morabito organetti diatonici; Dario Muci chitarra classica, bouzouki, voce; Marco Tuma flauto traverso, clarinetti, sax soprano; Gianluca Longo mandola, chitarra classica.

Durante le due serate saranno presenti stand di discografia e libreria specializzata, di artigianato celtico ed etnico, ed è sempre garantita la possibilità di cenare all’interno del parco in osterie allestite per l’occasione. Della manifestazione esiste un cd compilation realizzato dall’Amministrazione Comunale. L’iniziativa si svolge con la collaborazione dell’associazione Le Contrade di San Cesario. I concerti si terranno nel parco di Villa Boschetti e saranno a ingresso gratuito.

La direzione artistica del festival è affidata all’arpista celtico Francesco Benozzo, che ne è anche l’ideatore.

Per informazioni è possibile contattare la direzione artistica all’indirizzo e-mail: oppure telefonicamente al 349/5518821.

Articolo precedenteMortadella Bologna IGP: nel primo semestre 2009 circa 19 milioni di chili prodotti
Articolo successivoPrevisioni meteo Emilia Romagna, venerdì 7 agosto 2009