Home Politica In Consiglio 5 le interrogazioni svolte, 4 le delibere approvate

In Consiglio 5 le interrogazioni svolte, 4 le delibere approvate

Sono stati tutti svolti i punti all’ordine del giorno della seduta del Consiglio comunale di Sassuolo in programma nella serata del 27 aprile. La discussione è stata più accesa in merito al rendiconto dell’esercizio finanziario 2009, poi approvato con i voti della maggioranza, l’opposizione si è invece astenuta.

In apertura parola alla consigliera Franca Cerverizzo, della Lista Civica Pattuzzi, per una interrogazione avente ad oggetto lo sgombero del Fassbinder e all’uso che l’amministrazione intende fare della struttura. Alla sua interrogazione ha risposto l’assessore alla Cultura Luca Cuoghi che ha richiamato l’iter scelto dall’amministrazione per realizzare l’anagrafe delle associazioni comunali, con conseguente riorganizzazione delle sedi. L’assessore ha ribadito che la sede da cui è stato sgomberato il Fassbinder sarà alienata, visto che le condizioni fatiscenti rendono non consigliabile un intervento di ristrutturazione. Inopportuna anche la destinazione a centro civico visto che è a 300 metri da Rometta 81 e altrettanti dall’Albero d’oro.

La consigliera Cerverizzo si è detta non soddisfatta perché convinta che si potessero trovare situazioni diverse rispetto allo sgombero. “In una società civile e democratica non penso si possano chiudere porte in faccia. Riconosco che la maggioranza ha fatto delle scelte, non posso che a malincuore rispettarle ma non condividerle”.

La seconda interrogazione è stata della stessa consigliera Franca Cerverizzo, della Lista Civica Pattuzzi ed aveva ad oggetto l’apertura del Politeama avvenuta durante le Fiere d’ottobre. La consigliera ha interrogato la Giunta per sapere se l’apertura, che ha riscosso consenso e partecipazione e che la consigliera ha ritenuto lodevole per la conoscenza di un luogo importante per Sassuolo, fosse stata preceduta dalla richiesta alle competenti autorità delle necessarie autorizzazioni.

La risposta è arrivata dal Sindaco Luca Caselli che ha dato lettura di quanto redatto dal responsabile dei lavori pubblici, ingegner Villa. Essendo l’edificio del 1912, precedente alla legge urbanistica del 1942, non è stato possibile risalire al tipo di autorizzazione concessa al momento della realizzazione. L’apertura durante le fiere è stata preceduta da un sopralluogo dell’ingegner Villa che ha verificato l’idoneità della struttura, si è poi  provveduto a rimuovere alcune parti di intonaco ritenute non sicure. Le uniche strutture montate sono state le illuminazioni per cui non occorre progetto o conformità ma solo la verifica dell’uso di materiali idonei, verifica fatta. Non era prevista la presenza di oltre 100 persone e quindi non è scattata la prevenzione incendi, comunque durante l’apertura il personale ha controllato che non si superasse questo limite e che il pubblico non accedesse alle parti chiuse per ragioni di sicurezza.

La consigliera Cerverizzo si è detta soddisfatta della risposta ricevuta.

L’interrogazione di Carla Ghirardini del Pd aveva ad oggetto le iniziative messe in campo dall’amministrazione comunale in merito ad Expo Shanghai 2010. La consigliera ha sottolineato l’importanza di sostenere la piccola e media impresa in questo momento di difficoltà ma ha criticato la parzialità della scelta fatta dall’amministrazione che ha deciso di partecipare all’Expo attraverso una società privata. “La cosa che mi lascia stupita è il fatto che di fronte ad una vetrina così importante l’intervento da parte del comune sia quella di promuovere una iniziativa con un consorzio privato. Non si capisce il ruolo del comune, gli obiettivi, le finalità, quali sono le imprese che porterà. La consigliera ha chiesto quindi di sapere i termini dell’iniziativa, chi fa parte della società temporanea d’impresa, quali sono le imprese che parteciperanno, se è prevista la partecipazione di Acimac e Confindustria Ceramica, perché non si è aderito all’iniziativa della regione.

Ha risposto il sindaco Luca Caselli che ha letto la risposta redatta dall’assessore alla ceramica Claudio Casolari, al memento in America per la fiera Coverings.

Dopo aver sostenuto che il distretto è un bene che non appartiene al Comune ha però rivendicato il diritto del Comune di “agire senza autorizzazioni preliminari, soprattutto se promuove le imprese. Questa iniziativa contribuisce alla promozione del distretto, al contrario di polemiche che lo impoveriscono. Gian Antonio Bertoni di Innvoacer ha presentato una richiesta di patrocinio non oneroso che è stato concesso senza spesa alcuna, fatta eccezione per la conferenza stampa che ha previsto la concessione della sala consigliare. Numerose le imprese che fanno parte dell’associazione temporanea d’impresa: Gigacer, Form200, Poligraf, Petracers, Gecolglass… In parallelo l’iniziativa coinvolge anche grandi gruppi come Atlas concorde, Gardenia, Seerenissima Cir, Graniti, Impronta, Monocibec, Naxsos. Il progetto è stato patrocinato dall’ordine degli architetti di Modena e Cerarte. Partecipano anche il presidente della commissione internazionalizzazione di Confindustria Emilia Romagna Sergio Sassi, il presidente della Cna di Fiorano, mentre il viceministro Adolfo Urso è stato interpellato personalmente da me. Da ultimo, e questa è di ieri, la Regione ha valutato positivamente il progetto Innovacer e lo ha cofinanziato. Non siamo soli. Aggiungo e ribadisco che il comune di  Sassuolo non ha sostenuto spesa alcuna”.

La consigliera Ghirardini si è detta d’accordo sulle premesse ma non sul metodo. “L’importanza dell’evento ma ancor di più la difficoltà di questo momento richiedeva, a mio avviso, un modo di procedere totalmente diverso. Si doveva istituire un tavolo attorno al quale fare convergere tutti gli attori. Per questo non sono soddisfatta”.

Il Consigliere Davide Ricci del Pd ha interpellato la giunta in merito al piano antiallagamenti di cui ha avuto notizia tramite la stampa. Il consigliere voleva sapere quando inizieranno i lavori previsti dalla delibera di giunta (Pattuzzi) del 6 maggio 2006 che prevedevano la realizzazione del gira canale, per cui erano già stati stanziati 285mila euro. Inoltre a che punto erano gli accordi con i provati per l’allargamento del gira canale, propedeutico allo sdoppiamento del Rio San Polo e del Rio San Marco. Come si intendesse risarcire i danni creati dagli eventi eccezionali del 5 giugno 2008.

La risposta è arrivata dal Vicesindaco Gian Francesco Menani. “I lavori per lo scolmatore di piena del gira canale, che costeranno 285mila euro di cui 142.500 a carico del comune, fanno capo al consorzio di bonifica che ha fatto sapere che dovrebbero essere avviati entro fine maggio 2010.

Con i privati sono stati effettuati incontri durante i quali è stata raggiunta un’intesa verbale, per consentire la realizzazione dell’opera dovrà fare seguito un accordo formale. I tecnici sono già al lavoro, spero avvenga presto. Non è possibile fornire una data sull’allargamento del canale, il programma dei lavori potrà essere fatto solo dopo l’accordo con i privati. Lo sdoppiamento dei due rii è oggetto di intervento da parte di Hera. La copertura finanziaria sarà a carico di Ato Modena. Per i danni del giugno 2008 al momento sono disponibili 30mila euro. E’ stato chiesto al ministero dell’ambiente di valutare eventuali modalità di reperimento fondi per soddisfare le richieste dei cittadini sassolesi. Vi terrò informati. Se non risponderà il ministero, vedremo di stanziare altri fondi”.

Il consigliere Ricci si è detto decisamente insoddisfatto perché quanto detto da Menani era tutto già contenuto nella delibera della passata giunta di maggio 2009. Monitorerò la situazione e vi incalzerò”.

Sandro Morini del Pd ha interrogato la Giunta in merito ai lavori di riqualificazione della piscina comunale, un progetto bandito dalla giunta precedente realizzato in project financing. Morini ha lamentato i ritardi di esecuzione del progetto, quantificati in sei mesi, definendoli non scusabili dal passaggio di amministrazione.

Il sindaco Luca Caselli ha risposto dando lettura di documenti forniti dall’ingegner Villa dell’ufficio tecnico. “L’aggiudicazione dei lavori è del 27 febbraio 2009. La convenzione per la gestione è stata sottoscritta il 16 luglio 2009 e registrata il 16 luglio 2009. Una convenzione firmata da molti mesi, non ci sono problemi. La cessione del diritto di superficie è un obbligo contrattuale che verrà fatto da Sgp al termine dell’accatastamento dei beni. I lavori dovrebbero terminare con 3 mesi di ritardo. La data attuale di fine lavori è prevista per il 31 maggio 2012 invece del 28 febbraio 2012”.

Il consigliere Morini si è detto parzialmente soddisfatto perché realizzare una piscina coperta a maggio è inutile, perché a maggio solitamente chiudono. I tre mesi di ritardo comporteranno, per gli utilizzatori, uno slittamento di 8 mesi.

Dopo l’appello l’assessore al Bilancio Paolo Vincenzi ha illustrato il rendiconto della gestione per l’esercizio finanziario 2009.

“Si tratta del primo bilancio consuntivo di questa giunta. E’ il frutto del lavoro di 5 mesi, è come salire su treno in corsa, molte cose erano già avvitate ma questo non ci ha impedito di fare interventi decisivi. C’è un avanzo di 4 milioni e 319mila euro, derivano da due voci: 1milione 175mila dalla gestione di competenza, i restanti dalla gestione di residui. La parte del leone deriva dallo Stato, in quanto ha rimborsato circa 2milioni e 800mila euro di Ici per gli immobili di classe d. 500mila euro circa derivano da economie di spesa.

Certamente ci troviamo con calo delle entrate tributarie del 4,6% dovuto alla crisi e all’impatto sull’addizionale irpef per 350 mila euro e di 368 sugli oneri da pubblicità. Sono stati spesi 120mila euro in meno sul personale, gli interessi sui mutui passivi sono diminuiti di 300mila euro, sono aumentate le spese per gli sgomberi di 600 mila euro. C’è stato un forte incremento dei trasferimenti ai servizi sociali per fare fronte alle difficoltà della crisi, abbiamo aumentato di 400mila euro le somme destinate alle famiglie in difficoltà. Il saldo di cassa a fine anno è 6 milioni. L’ente insieme all’Sgp è indebitato per 68milioni e 640mia euro. Questo produce rimborsi annui per rate di 4milioni e 700mila euro.

Come detto più volte le priorità sono identificate in due punti: sicurezza e aiuto alle famiglie difficoltà. Per questo verranno incrementate le somme destinate a questi servizi, l’avanzo di bilancio verrà destinato in queste voci.

1milione e 800mila euro per aumentare il fondo in conto capitale per le cause esproprio, un suggerimento dei revisori perché sono molte le cause in essere e il fondo era scarno. Un altro milione sarà destinato alla manutenzione delle urgenze in città come marciapiedi e strade. Sicuramente almeno 500mila euro andranno ai servizi sociali perché non sappiamo quale sarà la pesantezza delle richieste delle famiglie in difficoltà (3 giorni fa i servizi sociali avevano ricevuto 85 famiglie in un girono solo). Da qui nasce l’idea dell’assessore Barbieri di creare un fondo a cui volontariamente chiunque potrà aderire. La pressione tributaria è passata a 366 euro, è calata di circa 30 euro a famiglia. Sta calando la rigidità dell’ente, è diminuito l’indebitamento procapite.

La Sgp chiude con passivo di 721mila euro, era previsto intorno 500mila è aumentato perché sono diminuiti i lavori fatti dalle ditte. Sgp ha incassato meno oneri e non sono state acquistate ancora le tombe famiglia come era in previsione. Emerge in modo importante l’indebitamento verso le banche che è aumentato di 30milioni di euro, la voce più grossa è il prestito della Bper per affrontare le spese in esser oggi per lavori avviati dall’amministrazione precedente, sono stati di avanzamento lavori che vanno pagati. Avremo una fortissima attenzione alle spese perché è l’unico modo per riequilibrare il calo delle entrate, non possiamo l’anno prossimo sperare in un nuovo colpo di fortuna dal governo, ogni voce di spesa deve essere controllata fino in fondo”.

Ha preso la parola per primo Antonio Caselli del Pd che ha chiesto di mettere una lente d’ingrandimento sulla Sgp che sempre più è il braccio operativo del Comune, in futuro poi i debiti contratti per gli investimenti peseranno sempre di più sui bilanci. “E’ il primo anno che presentate una società in perdita di 721mila, euro potevate coprirla con l’avanzo di bilancio, non lo fate, non giustificate il motivo. Voglio ricordare che su quell’ultimo mutuo che avete dovuto accendere è stata richiesta la firma del sindaco come socio unico. Con la  crisi economica non ci si può permettere di attendere oltre sugli investimenti pubblici, sono ancora molto importanti quindi si richiede uno sforzo a comune ed Sgp ma non è più possibile aumentare il debito. Dove troviamo i soldi? Non c’è progettualità nella relazione, l’unica strada che era quella predeterminata da precedenti amministrazione è procedere sulle alienazioni, i pochi che dovevano esserlo non sono stati alienati, sono rimasti lì. Dobbiamo sapere cosa volete fare sulle alienazioni. La crisi sta diventando sostanzialmente la prima priorità, ci sono decine di indicatori che lo dimostrano. Inoltre diventa sempre più difficile recuperare quanto dovuto per Irpef, dall’Ausl, dagli altri comuni, è sempre più difficile incassare dai cittadini, lo dite voi che pagano lentamente. La situazione è drammatica. Le perdite di irpef e pubblicità sono state coperte dal sugli immobili di tipo d. Molti problemi sono stati coperti da eventi che si sono verificati per effetto dell’attività svolta negli anni dal 2003 al 2008. La vera situazione egli effetti della crisi li vedremo nel bilancio 2010. Da questa relazione emerge la completa inerzia, non c’è nessuna programmazione, anche rispetto alle poche indicazioni sull’avanzo. La filosofia dell’intervento me la trovo nella prima pagina della relazione. La grande novità è che il comune non è più una torre d’avorio ma un punto d’incontro con la porta sempre aperta. Ma aperta per avere quali risposte? Nel 2008 la spesa sociale era 10.8 milioni, nel 2009 è 12.2 milioni di euro, è il più evidente indicatore che la crisi economica è fortissima, ma non csi sono indicazioni strategiche e soluzioni, c’è solo il porre un tampone e dare aiuto alle famiglie in difficoltà. Invito giunta e sindaco a venire in consiglio, portare idee, progetti per uscire dalla crisi perché imprese da sole non sono in grado di supportarne l’uscita. Rispetto a questo vorrei anche sottolineare che questa idea di comunità che voi ci avete voluto propinare in questo anno è quella di una comunità escludente che divide. Porta a far si che il livello valoriale comune si sta progressivamente abbassando in tutti settori della società. La comunità si costruisce dalle fondamenta, dai rapporti anche qui dentro”.

La consigliera Franca Cerverizzo ha letto alcune parti del consuntivo che riconoscevano quanto fatto di buono dalla scorsa amministrazione su animazione, esclusione sociale cultura, sport, edilizia scolastica. “Ho condiviso lo sforzo di aumentare la dotazione del fondo di solidarietà ma non ho condiviso la scelta politica di dare solo ad una parte. Come lista civica non voto contro o a favore a prescindere. Le scritture contabili evidenziano un disavanzo per una serie di condizioni favorevoli. Ci aspettiamo una congrua destinazione, e anche la revoca della discriminazione verso gli extracomunitari. Benedetti leggendo i suoi interventi sulla logica contabile della Sgp non mi serba che sia cambiato molto, il cinema è lo stesso ma sono diversi gli attori. Annuncio la mia astensione sul consuntivo 2009”.

Susanna Bonettini del Pd ha posto l’accento sulla relazione del sindaco che accompagna il rendiconto sostenendo di condividere che per una nuova amministrazione sia come salire su un treno in corsa. Nella relazione Bonettini si aspettava “di trovare non tanto azioni e progetti ma discontinuità e cambiamento di rotta. Ma leggendo con attenzione resa conto che concetti, idee progetti li avevo già sentiti e mi erano molto noti. Ho capito che avevo letto e sentito quei progetti e concetti sulla relazione di bilancio di fine mandato del sindaco Pattuzzi. Si usano anche le stesse parole della relazione di bilancio 2008 di Pattuzzi: riqualificare, valorizzare, promuovere”.

“Togliendo tutto ciò che è stato copiato rimangono i progetti fatti in 6 mesi: sulle politiche giovanili prevalgono gli aperitivi, anagrafe associazioni, fiatona, sassuolo city staff, sostegno al lavoro, you tube, wifi e mettiamoci la faccia. C’è poi Casa Serena, credo che su questo si debba essere molto chiari con i cittadini e non creare facili illusioni. Il superamento non è novità di questa giunta, ma va detto che la costruzione di una nuova struttura non risolverà la lunga lista di attesa perché quanti posti convenzionare e quindi far pagar la metà lo decide la regione. Non c’è in questa relazione alcuna strategia e progettualità per i numerosi e complessi problemi, vecchi e nuovi, soprattutto sulla crisi servono idee e avere una visione di come si vorrebbe costruire una società. Avete confermato il progetto epoche che avevate criticato e ci fa piacere. Anche sul fronte sicurezza mi aspettavo di più dal vicesindaco Menani, molto attivo e impegnato a partecipare ad operazioni. L’unica novità l’apertura della sede distaccata della Municipale. Su Braida era stata avviata dalla passata amministrazione una riqualificazione urbanistica e sociale, attendiamo di sapere cosa farete dei palazzi sgomberati. Ci sono poi le due moschee, dove andrà Regina Pacis? Quelli di via Cavour hanno anche fatto appello al Consiglio di Stato. Concludo e mi spiace che non ci sia il sindaco in aula (il presidente Rubino ha comunicato che si era assentato per fare un saluto ad una manifestazione per il 25 aprile) per la stima che ho sempre avuto per Luca, pur con idee diametralmente opposte, sono rimasta davvero male che la sua prima relazione la copi così. Poi i cittadini diranno se questo è discontinuità, cambio di rotta se è politicamente e moralmente corretto copiare una relazione di mandato di Patuzzi”.

Ha preso poi la parola Giuseppe Megale del Pd: “Dal mio punto di vista pensavo fosse uno scherzo, un consuntivo nel quale c’è una pagina molto veloce da parte del sindaco è il resto viene tagliato e incollato da relazioni precedenti. Già moralmente per la parte dell’ambiente voto senza problemi perché è esattamente quello che ha prodotto l’assessore Megale Giuspepe con il suo ufficio. Dico grazie a sindaco e giunta che ha condiviso virgole, punti, trattini di ciò che io prodotto con il mio ufficio 5 anni prima. Forse tanto male non avevamo fatto. La crisi è pesante, basta vedere le ultime notizie sul debito greco. La crisi è profonda e grave, esattamente il contrario di ciò che ogni sera dicono Silvio e Tremonti. L’amministrazione Pattuzzi ha lasciato un buco enorme, era questa la vostra pubblicità progresso, invece c’è un avanzo di 4 milioni di euro. Spero che la gente cominci a svegliarsi. Come cittadino italiano sono molto preoccupato per le sorti del mio paese. Se l’amministrazione, come ha coerentemente ripreso le cose ottime fatte dalla giunta precedente, proponesse cose concrete noi del gruppo Pd saremmo prontissimi a collaborare. Vincenzi ha detto che avete risparmiato circa 700mila euro, io non vedo dove. Se invece di fare otto assessori si tornasse ad 8 sarebbe un segnale molto concreto per i cittadini. Il Pd non fa della demagogia allo stato puro, le elezioni per noi sono finite, qualcuno ha vinto e qualcun altro perso. Ci fa piacere che lei abbia la porta aperta per tutti ma qui porti proposte concrete, serie. Il Pd cercherà di migliorarle, non a priori voterà contro a qualcosa che attenui il periodo difficile che vivono famiglie e imprese”.

Il Sindaco Caselli è intervenuto per rispondere alle polemiche sollevate: “Questo è un consuntivo, non un bilancio preventivo. Il 2009 è a cavallo di due amministrazioni, le amministrazioni passano mentre il Comune rimane e visto che io ritengo di essere una persona seria con a fianco persone serie credo che fare un consultivo 2009 significava anche dare atto alla precedente amministrazione. Fare polemica su questo significa farlo su una cosa fatta seriamente con la consapevolezza che si fa il bilancio di un ente. Dovevo dare atto solo delle cose fatte da noi? E’ un anno diviso a metà tra 2 amministrazioni, fare un consuntivo politico significa farlo anche di ciò che è stato fatto nei primi 6 mesi anche se io non ero sindaco.  Credo avere presentato con l’assessore competente e la giunta il bilancio di un comune non di una amministrazione o di una coalizione politica che non è in crisi”.

Parola a Massimo Benedetti del Pdl che ha ribadito come si tratti di un consuntivo fortemente condizionato dalle scelte politiche della precedente amministrazione “sia per l’alta incidenza dei costi del personale sia per l’indebitamento dovuto alle politiche precedenti. Le scelte politiche di questa cambiano il bilancio solo in tempo più lungo. Pertanto in questa sede penso sia importante sottolineare i dati che confermano tendenze ed obiettivi. Principalmente ne ho rilevati 2: riduzione spesa corrente, miglioramento e mantenimento dell’efficienza dei servizi a domanda individuale. La riduzione delle spesa è stata centrata con una riduzione di 900mila euro con il controllo delle spese superflue e di rappresentanza. Maggiori risorse alla spesa sociale e alla polizia locale, in un momento di difficoltà economica si sono moltiplicate le richieste di aiuto di famiglie e persone bisognose per questo sono stati stanziati ulteriori fondi. I consiglieri hanno detto alcune inesattezze. Le entrate sono in linea con l’anno precedente, Caselli Antonio ha mal interpretato i dati. Per capire meglio i dati sarebbe meglio confrontarli con quelli di altri comuni, noi siamo al di sotto della maggior parte di quelli messi a confronto dal Sole 24 ore. Nell’anno 2009 il consuntivo è tornato sotto controllo, certo si dovrà migliorare nel 2010 sulla spesa corrente, cercare più efficienza del personale con meno costo, liberare risorse per gli investimenti. Questo è il vero obiettivo che dobbiamo prefiggerci”.

Francesco Battani Pdl: “Mi dispiace dover sentir dire dopo 10 mesi che siamo qui che parliamo di crisi non aver visto qualche odg per saltar fuori dalla crisi. Io ho fatto un odg che ora è passato in commissione, spero che li tutti quanti riusciremo a creare qualcosa, sperando che tutti portino proposte. Ora c’è bisogno di proposte e poche polemiche. Mi spiace sentire parlare di Braida, io sono di Braida so come era, non dico che ora i problemi non ci sono più, ci sono ancora ma vorrei puntualizzare che dopo un terremoto che fa cadere tutte le case per ricostruire non bastano 10 minuti, ci vogliono anni. Credo sia nostro dovere presentare idee, vedremo la disponibilità di tutti a creare una città vivibile”.

Sandro Morini Pd: “Il biglietto da visita di questa amministrazione era che Pattuzzi aveva consegnato un’amministrazione con le pezze nel fondoschiena non faremo molto da qui ai prossimi 5 anni perché ci sono buchi da tutte le parti. Questo è stato il presupposto politico che ha consentito all’amministrazione di presentarsi in un certo modo, insieme al Velasquez che ha fatto la fine che ha fatto, se va bene ci danno una foto. Oggi ho scoperto la verità: la passata amministrazione ha consegnato al Sindaco Caselli un avanzo di gestione di 4 milioni di euro e passa. Mi piacerebbe ricordare ad Ugo Liberi le passate discussioni sulla necessità di tartassare i proprietari di fabbricati d, il lavoro mi vien da dire compiuto è stato egregio, abbiamo fatto talmente bene che ci ha consentito oggi in situazione quasi unica di godere di benefici importanti in un periodo come questo. Un milione e 100 non sono il frutto di vostri risparmi di spesa anche del recupero ici e questo a parer mio non ha molto a che veder con il federalismo. E’ lo stato che trasferisce le risorse, questo è tutto tranne federalismo”.

Morini ha criticato la scelta di portare in perdita la Sgp e l’aumento della spesa sul personale. “Credo cha Pattuzzi abbia consegnato alla città un sistema fiscale e tributario equo e solidale. Ha ragione il sindaco quando dice che le amministrazioni cambino e i comuni rimangono, noi abbiamo dato un comune sano e virtuoso che può fare investimenti, non avete più l’alibi che non ci sono i soldi. Diremo al nostra e qual’è secondo noi una proposta più seria di città. Sui servizi a domanda individuale crescono i contributi delle famiglie, segno della difficoltà del momento. La Sgp è un volano incredibile per gli investimenti, 90 milioni in 5 anni è un risultato eccezionale, rimarranno alle prossime generazioni. Non possiamo pensare di ragionare per abbattere quell’indebitamento se qua mentiamo sulle spese del personale: assumiamo 2 nuovi dirigenti non 20 vigili. Queste sono cose che vanno spiegate alla città. Chiudo con nota polemica velenosa, detto che fatto tagli allora io sono andato a vedere. Sulla mobilità c’è un risparmio di spesa di circa 40-50mial euro che se ammortizzato su 30 anni fa 600 euro l’anno. Ma c’è un ma: come hanno fatto a ridurre queste spese? Hanno ridotto di 150mila euro i lavori previsti, quindi hanno speso di più. Questa è l’efficienza di questa amministrazione, questi i risparmi fittizi che vi propone”.

Consigliere Bargi Lega Nord: “Ho sentito tanti comizi, tante chiacchiere, è interessante prima dicono che questo è il loro consultivo, poi dicono che ci sono tantissimi problemi. Dunque noi ci aspettiamo diverse iniziative del Pd per risolvere le problematiche. Ne discuteremo. Noi siamo poveri cittadini padani ignoranti. Dato che di bilancio ci capiamo poco diciamo che è un consuntivo che tiene fede alla previsione. L’unico dato interessante è l’avanzo, gestito in maniera buona, va in manutenzioni fondamentali per cittadini, al fondo cause con il comune se vinceranno i cittadini avranno diritto di avere i loro soldi.  Dico alla consigliera Cerverizzo che per gli extracomunitari nell’assegnazione dei fondi è solo un fatto di precedenza. Darla a chi ha contribuito a metterli da parte”.

Claudio Corrado del Pdl ha ironizzato paragonando ciò che accadeva i aula a due genitori che portano il bimbo al parco e ascrivono l’uno all’altro le doti negative del figlio, ascrivendo a se stessi quelle positive. “I debiti presenti in questo consuntivo sono spese e voci non create questa mattina. Si è insinuato sul nulla fare, potremmo elencare tutte le deliberazioni di Giunta annunciate in campagna elettorale e fatte in questi mesi. Il programma elettorale è per noi l’unico vero obiettivo da seguire, soprattutto nella gestione città in cui viviamo che è in mano a persone intelligenti. La relazione proposta e spiegata dal sindaco in modo sintetico, è stata fatta perché possa essere compresa senza confondere i dati in parole, frasi, calcoli. Io vorrei ringraziare il sindaco per il rispetto dovuto al predecessore, grazie a Vincenzi per la sintesi celta nell’esposizione del bilancio”.

Carla Ghirardini del Pd ha sottolineato come “si mescolino due piani: un conto è relazione del sindaco allegata a bilancio, è un documento chiaramente politico nel quale si lanciano linee e indirizzi. Non è moralmente accettabile il fatto che sia copiata per la maggior parte dalla relazione di fine mandato. A me è venuto da ridere quando me ne sono accorta, leggevo e non capivo. Il secondo è l’aspetto dei numeri, allora io dico è evidente con chi ha detto che siete saliti su treno in corsa, evidente però mi dico che se anche siete saliti corsa almeno leggiamo con chiarezza ciò che è scritto nero su bianco, diamo su questo il contributo che doverosamente si deve dare al lavoro precedente Io non sono esperta di economia e lettura bilanci ma credo ci voglia davvero poco a notare un avanzo così consistente. Non è la fortuna che ha portato questi soldi, ci sono arrivati per anni di politica sull’ici della giunta precedente. Mi sembra che qua si vada a raccogliere non solo dove non si è seminato ma anche un raccolto che non piaceva per niente. Anche io sono convinta che le amministrazioni passano e l’istituzione resta. E’ un appello che noi lanciamo a lavorare seriamente in questo senso. Anche noi abbiamo presentato odg e attendiamo una commissione bilancio per il problema crisi. Aspettiamo di essere convocati. Ci verremo con atteggiamento propositivo e l’intenzione di trovare soluzioni, perché la lettura dei dati bilancio ci fa paura. Lancio una proposta. Credo ci sia bisogno di far ripartire le attività di questa città, non asfaltiamo genericamente le strade, facciamo un salto di qualità e mettiamo mano al problema centro storico. Potrebbe dare un segnale chiaro alla città”.

Giulia Pigoni del Pd ha richiamato l’attenzione su come i problemi del territorio ricadono sui giovani e ha chiesto all’assessore Nocetti di usare parte del disavanzo per investirli sull’integrazione giovanile, ad esempio in progetti in prevenzione sull’abuso di droga e alcol.

Venturelli del Pdl ha dato merito all’assessore Barbieri del lavoro svolto, costante e proficuo. “Il lavoro di analisi delle voci ha portato ad un’economia di spesa di circa 500mila euro, è chiaro che non basta, sproneremo l’amministrazione nel guardare con la lente anche ad Sgp. A Morini dico che la spesa corrente è diminuita non è rimasta tale”.

Sergio Basile dell’Idv ha fatto un breve intervento in cui ha sottolineato la sua intenzione di non fare polemiche e ha apprezzato l’esistenza di un disavanzo che possa permettere iniziative a favore della popolazione sassolese. Ha poi registrato positivamente l’operato del precedente sindaco augurando di poter fare altrettanto con Caselli tra qualche anno. “Non voglio dilungarmi su argomenti inutili mentre ritengo importante riflettere sulla situazione di difficoltà del mondo giovanile, non solo culturali ma lavorativi. Spero che una parte di questa somma possa fare da volano per agevolazioni economiche che consentano di fare piccole imprese tra giovani”.

Andrea Lombardi del Pd si è invece occupato di sanità criticando la totale mancanza di dati sull’andamento dell’Ospedale di Sassolo e sulle politiche in merito da parte

Sonia Pistoni del Pd si è invece concentrata sull’annunciato fondo in corso di creazione ad opera dell’assessore Barbieri per l’aiuto a chi è in difficoltà a causa della crisi. La critica era riferita alla proposta di far destinare il 5 per mille a questo fondo, in verità i soldi del 5 per mille arrivano in due o tre anni, quindi non sarebbero immediatamente disponibili. Pistoni ha poi chiesto di specificare che anche i cittadini stranieri che fanno dichiarazione dei redditi possono donare il 5 per mille, sarebbe quindi auspicabile che potessero usufruirne. “E’ dimostrato dai dati che coloro che donano il 5 per mille sono dipendenti o pensionati che fanno il 730, quindi viene distribuito da una fascia medio bassa ad una fascia medio bassa. Credo ci siano altre possibilità per dare aiuto alla popolazione debole. Questa sicuramente è una possibilità ma crediamo come Pd e speriamo che questi fondi siano più nutriti possibile ma non saranno sufficienti a  dare sollievo alle persone in difficoltà. Anche chiedere ai dipendenti comunali di devolvere un’ora di lavoro a non porterebbe a cifre esorbitanti. Si dovrebbe cercare una soluzione più condivisa con istituzioni, sindacati, altre amministrazioni, una soluzione partecipata  che possa dare risposte a lungo termine, una progettualità che speriamo arrivi a breve. Sono contenta che abbiamo la possibilità di investire soldi per la nostra città che, in alcuni quartieri non ha avuto risposte definitive al degrado. Braida ad  esempio nrcessità di risposte. Speriamo che attraverso proposte dell’amministrazione ci siano indicazioni su come riqualificare Braida nel futuro. Vogliamo capire cosa si farà di quelle aree sgomberate”.

L’assessore Vincenzi ha ribadito alle osservazioni fatte dai consiglieri di opposizione ribadendo i concetti espressi all’inizio e difendendo le scelte fatte. Sul fronte alienazioni si è deciso di accantonarle perché non convenienti agli attuali prezzi di mercato. Per la Sgp la mancanza di copertura del buco va nella direzione stabilita al momento della creazione: deve autofinanziarsi.

Sul fondo di solidarietà ha spiegato che sta prendendo forma e che sarà discusso con sindacati e associazioni.

Nelle dichiarazioni di voto Susanna Bonettini del Pd ha annunciato l’astensione ribadendo alcuni concetti per farli sentire al sindaco che non era in aula al momento del suo intervento. Ha centato il discorso soprattutto sulla mancanza di progettualità.

Benedetti del Pdl ha annunciato il voto positivo così come Bargi della Lega.

LA VARIAZIONE E’ STATA APPROVATA CON VOTI FAVOREVOLI DI PDL, LEGA, LISTA CIVICA E SINDACO

ASTENUTI CERVERIZZO, BASILE E PD

CONTRARI NESSUNO ( erano fuori  GHIRARDINI, MORINI E PIGONI)

E’ stata poi presentata dal sindaco la delibera di urgenza che approvava variazioni di bilancio relative ai piani di zona. Un’urgenza dettata dai tempi di legge per l’approvazione dei piani.

“I piani di zona prevedono maggiori entrate per l’ufficio comune ed economie di spesa. Si prevedono 140.136 euro in più a cui si sommano circa 124mila euro di minori trasferimenti dall’ufficio comune. Il tutto 263.564 euro da destinare a risorse sociali.

129310.59 euro come contributo per famiglie difficoltà crisi e  perdita lavoro

10825,53 per assistenza domiciliare

11mila 438.58 assistenza domiciliare, i restanti al volontariato

Alle osservazioni del consigliere Lombardi sulla sanità rispondo dicendo che la convenzione sull’ufficio di piano scadrà il 31 dicembre ma che anche ieri ero in riunione con i 7 sindaci per parlare dell’unione”. La stessa delibera sarà approvata anche dagli altri comuni.

Susanna Bonettini del Pd ha fatto presente che avrebbe voluto approfondire l’argomento maggiormente in consiglio e non solo in commissione. Ha poi attaccato la mancanza di modifiche apportate dall’assessore Barbieri: “mi fa piacere che in questi anni viene raccolto e valutato positivamente il nostro lavoro”. Ha poi criticato l’assenza di progetti sulla coesione sociale e sulla violenza alle donne.

Il sindaco Caselli ha risposto alle osservazioni sottolineando in particolare i problemi creati dal nuovo modus operandi del tribunale di Bologna che di fronte a bambini e ragazzi in difficoltà affianca loro un adulto gravando doppiamente sulle casse comunali. La proposta è quella di rivolgersi a strutture di volontariato o parlare con il tribunale di Bologna. Sulla violenza alle donne saranno fatte conferenze su stalking e violenze domestiche. “Sulle politiche integrate di sicurezza c’è una sterzata in una direzione diversa. E inutile nascondere che noi abbiamo un assessorato alla sicurezza, sul bullismo sono stati fatti incontri e stiamo lavorando con i servizi sociali  ma noi non abbiamo un’idea di sicurezza di ‘volemose bene sociale’ ma di monitoraggio del territorio, controllo de clandestini, interventi in centro storico. Su questo penso di essere molto chiaro e penso che il suo ragionamento sia corretto ma contrario”.

Megale del Pd ha criticato l’accento posto dal sindaco sui clandestini ricordanti che gli interventi sul rispetto della legge vadano coniugati con la coesione sociale.

PROVVEDIMENTO APPROVATO CON VOTI FAVOREVOLI LEGA, PDL, SINDACO, LISTA CIVICA PER SASSUOLO

CONTRARI NESSUNO

ASTENUTI BASILE, CERVERIZZO, PD

Infine è stata approvata la modifica al testo che tratta del pagamento dei rifiuti visto che in seguito ad una pronuncia della corte costituzionale non si tratta più di una tariffa ma di un tributo. Un differenza semantica che in futuro potrebbe aprire contenzioni che farebbero uscire milioni di euro dalle casse comunali. Per questo, in attesa di una legge nazionale che dirima il contenzioso, il comune gioca d’anticipo e modifica il testo sostituendo al termine tariffa quello di tributo.

PROVVEDIMENTO APPROVATO CON VOTI FAVORECOLI SINDACO, LEGA, PDL, ANSELMI

CONTRARI NESSUNO

ASTENUTI PD E CERVERIZZO