Il PD sassolese propone un project financing verde per completare il Liceo e realizzare un impanto di cogenerazione

    Pubblicità










    L’approvazione all’unanimità del Piano d’azione per l’energia sostenibile a Sassuolo, è un grande atto di responsabilità nei confronti del futuro del nostro territorio. Non sono mancate le critiche a un documento poco “concreto” e senza gambe, purtroppo la maggioranza Sassolese non ha voluto destinare risorse di bilancio allo sviluppo del piano, trasformandolo in un libro di bei sogni. Per questo come PD ci siamo presi l’impegno, in occasione del prossimo bilancio preventivo 2012 di presentare emendamenti al bilancio per garantire stanziamenti precisi in tal senso. Ci preoccupa però che il 40% del risparmio di Co2 previsto entro il 2020 (quasi 20.000 tonnellate su 50.000 tonnellate previste) dipende dalla realizzazione di un impianti di cogenerazione, rigenerazione e teleriscaldamento nell’area del polo scolastico, mettendo in rete il palazzetto dello sport, la nuova piscina comunale, il nuovo intervento residenziale previsto alle ex ballarini e le scuole provinciali presenti in zona.

    Un impianto di tale portata richiede una sinergia pubblico privata che oggi non è nemmeno abbozzata, una forza di volontà politica che questa maggioranza dimostra da tempo di non avere. Per questo abbiamo lanciato una proposta utile sia per garantire gli obiettivi di sostenibilità proposti sia per provare a riprendere il discorso di completamento della sede del liceo scientifico Sassolese nell’area del Polo Scolastico.

    Siamo infatti consapevoli che in quadro come quello odierno (Stato che taglia fondi alla scuola, ruolo delle province messo in discussione) l’unica via per completare questa importante ed essenziale opera pubblica è provare a dare vita ad un grande Project Financing che avvii il completamento della struttura scolastica e provi a capire la reale sostenibilità di un simile impianto di cogenerazione.

    Un Project financing simile potrebbe essere realizzato anche da diverse imprese locali che in questi anni hanno lavorato molto sulla green economy e che potrebbero essere interessate a realizzare una scuola ad impatto zero anche come vetrina per le proprie tecnologie.

    Noi ci impegnamo da ora a fare la nostra parte, coinvolgendo il gruppo PD in provincia, per valutare insieme il tipo di contributo che la stessa provincia potrebbe garantire per la realizzazione di questo project così importante.

    (Gruppo Consigliare PD Sassuolo)

    Pubblicità











    Articolo precedenteSassuolo è ufficialmente gemellata con il Comune di Lucoli
    Articolo successivoIl Comitato Modenese per l’Acqua Pubblica: “i Comuni non vendano le quote delle multiutilities”