Home Attualita' Casalgrande, il sindaco Rossi: alcune indicazioni sulle azioni di solidarietà per il...

Casalgrande, il sindaco Rossi: alcune indicazioni sulle azioni di solidarietà per il terremoto

ADV


In queste ore, si è attivata un importante catena di solidarietà umana che dimostra la capacità della nostra gente e del nostro territorio nei momenti di difficoltà, nel diventare una comunità coesa e unita, superando le divisioni sterili.

Tra queste importanti iniziative a sostegno delle popolazioni colpite dal terremoto, per evitare il sovrapporsi di azioni scollegate che possano produrre confusione, come Amministrazione comunale consigliamo di scegliere tra le seguenti azioni:

1)  per chi volesse dare un contributo in beni di consumo o alimentari, occorre attenersi esclusivamente alla lista di prodotti necessari, composta da: shampoo, bagnoschiuma, detergenti, spazzolini, dentifrici, detersivi per pulizie, cuscini, lenzuola e federe per letti singoli, pannolini per bambini, donne e anziani. In misura minore occorrono anche confezioni di pasta di tipo fusilli e passata di pomodoro. Nelle giornate del primo e del due giugno, davanti al Conad di Casalgrande, sarà allestito un punto di raccolta gestito dal Gruppo Alpini e dai Volontari del Soccorso di Sassuolo, i quali già sono attivi nelle zone colpite dal sisma. A Salvaterra, venerdì, tutto il giorno, di fronte al Sigma, e sabato davanti alla Sala civica in via Ligabue, sarà allestito un altro punto di raccolta dei prodotti sopra elencati. Sempre il due giugno, la sera, nel corso dello spettacolo «Sorriso e solidarietà», saranno allestiti due punti di raccolta in centro a Casalgrande;

2)  per chi volesse effettuare delle donazioni in denaro, si può ricorrere alla campagna di raccolta fondi straordinaria della Protezione civile, attraverso il numero SMS 45500, al costo di 2 euro; oppure effettuare una donazione diretta al conto corrente di Finale Emilia, all’IBAN: IT82E0611566750000000133314;

3)  per chi volesse comunicare la disponibilità di alloggi e posti letto, nelle abitazioni o nelle strutture ricettive dei nostri territori, occorre contattare il Centro unificato di Protezione civile al numero 0522/271698;

4)  inoltre in Comune, telefonando alla mia segreteria (0522/998503), si raccolgono i riferimenti di ingegneri che siano abilitati alla verifica sismica dei fabbricati, in modo da potere collaborare, come volontari, alla valutazione dello stato degli edifici.

Nell’invitarvi a seguire tali indicazioni, vi terremo informati attraverso gli organi di stampa e attraverso i profili Facebook e Twitter attivati.

 

Articolo precedenteTerremoto, la situazione a Novellara
Articolo successivoTerremoto: le iniziative messe in campo da Confcommercio Ascom Bologna