Home Bassa modenese Inaugurata a Mirandola la mostra sulla Grande Guerra

Inaugurata a Mirandola la mostra sulla Grande Guerra

Inaug-Mostra-Grande-GuerraÈ stata inaugurata lo scorso 4 novembre alle scuole medie “Montanari” di via Dorando Pietri 4 la mostra “Modena e provincia nella Grande Guerra”. Si tratta di una parte della grande esposizione realizzata nel 2008 dal Comune di Mirandola nel Castello Pico, in occasione del 90esimo anniversario della fine della prima guerra mondiale. Oggi la mostra viene riproposta agli studenti nella sua versione essenziale di 18 pannelli che raccontano il conflitto ed i suoi effetti sulla provincia di Modena. Dal nuovo ruolo ricoperto dalle donne nel lavoro dei campi e delle fabbriche alla cura dei feriti che arrivavano dal fronte, dall’accoglienza dei profughi delle terre invase alla carenza di cibo e alla disoccupazione, fino ad arrivare ai problemi del dopoguerra e alla rielaborazione del lutto e della memoria. Tanti sono i temi toccati da questa mostra, che espone anche le novità introdotte dalla guerra sotto il profilo militare. Si tratta della prima iniziativa di questo genere che viene svolta in provincia di Modena in previsione delle celebrazioni (ormai imminenti) del centenario dello scoppio del conflitto. All’inaugurazione sono intervenuti il Sindaco Maino Benatti, la preside Paola Campagnoli e due degli autori dei pannelli in mostra, Fabio Montella e Giannalberto Tommasino. Nell’occasione è stato ricordato anche il mirandolese Fabrizio Pacchioni, appassionato cultore della prima guerra mondiale e coautore della mostra nel 2008, oggi purtroppo scomparso. Pacchioni mise a disposizione la sua importante collezione di reperti, collaborando alla buona riuscita dell’iniziativa con grande passione e disponibilità. La mostra (realizzata insieme all’Associazione Combattenti e Reduci, all’Istituto Storico di Modena, al Consorzio di Promozione del Centro storico e alla Fondazione Cassa di Risparmio di Mirandola) rimarrà allestita per alcune settimane nella sede delle scuole medie.