Home Carpi IDV Carpi su revoca deleghe

IDV Carpi su revoca deleghe

Pare doveroso esplicitare il reale e consistente motivo che ha determinato la revoca delle deleghe all’Assessore Ferrari. Questo risiede nell’impossibilità di conciliare le posizioni politiche dell?IDV con quelle della maggioranza, specie in vista dell’approvazione del prossimo bilancio di previsione 2014.

Come più volte riportato dallo stesso assessore e dal gruppo consigliare IDV in maggioranza e nelle sedute politiche di preparazione al bilancio, l’indirizzo assunto dalla maggioranza PD e Verdi in merito a diverse importanti questioni risulta illogico ed insostenibile da parte del nostro partito.

Ripartiamo dalla nota vicenda del contributo di euro 80.000 annui erogato al CarpiCalcio per il quale esprimemmo la nostra contrarietà in ragione dell’esistenza di altre ben più gravi priorità, passando poi per la più recente questione del gestione del campo nomadi per il quale avevamo espresso l’esigenza di un superamento del campo senza ricorrere a nuove aree pubbliche e soprattutto senza impiegare ulteriori risorse economiche della collettività, indirizzo del tutto disatteso dalle scelte recente e che si configura ad oggi come l’ennesimo pasticcio irrisolto che continua a drenare risorse pubbliche.

O ancora pensiamo alla questione non risolta dell?Unione Terre d’Argine, che gestisce ormai oltre il 50 % delle risorse e dei servizi di spettanza comunale, con incrementi costanti di spesa, senza l’esistenza di prospettive chiare e con un sistema di rappresentatività e di reale controllo dei cittadini ancora insufficiente.

Arriviamo infine al bilancio di previsione 2014 per il quale, dopo anni di facili tagli al settore cultura gestiti non senza difficoltà nel tentativo di salvaguardare i servizi e le attività, il Sindaco avrebbe preteso ulteriori sacrifici che pregiudicherebbero seriamente il funzionamento ordinario del settore, già fortemente provato.

Nelle sedi preposte, sia l’Assessore sia il Capogruppo hanno sottolineato l’incongruenza della troppa facilità con cui vengo reperite risorse per alcune discutibili- spese (ritorniamo agli 80.000 euro della convenzione con il Carpi Calcio o alle risorse che, nonostante le promesse risultano tutt’oggi impegnate per finanziare auto blu ed autista del Sindaco, o ancora alla recente decisione di indire un concorso per un costoso dirigente quanto si continuano a chiedere sacrifici ai dipendenti ed a negare sostituzioni di personale per la gestione dei servizi) rispetto alla superficialità con cui si operano tagli indiscriminati su alcuni servizi o si richiedono sacrifici ai cittadini in termini di aumento delle tasse.

La nostra disponibilità ad una collaborazione positiva con la maggioranza per affrontare la difficile e tragica situazione in cui versano enti e comunità locali in questi anni non è mai mancata.

Questa collaborazione però non può continuare quanto le scelte diventano illogiche e non comprensibili da parte dei cittadini, ai quali si chiedono sacrifici a fronte di scelte non giustificabili.

Non riuscendo dunque a raggiungere posizioni comuni, avevamo già comunicato nei giorni scorsi al PD che non ritenevamo sussistessero i presupposti per appoggiare questo bilancio, e dunque avremmo rassegnato le nostre dimissioni dalla maggioranza.

Il ritiro delle deleghe da parte del sindaco appare dunque una mossa preventiva, non cambiando l’esito della nostra partecipazione a questa maggioranza.

 

IDV CARPI

Alessia Ferrari

Andrea Bizzarri – Capogruppo IDV in Consiglio Comunale Fabio Esposito