Home Carpi Tiziano Motti: “Nuove regole per i tempi e i modi di trasporto...

Tiziano Motti: “Nuove regole per i tempi e i modi di trasporto degli animali che vengono portati al macello”

TizianoMotti_5_autFare politica a tutela dei più deboli non significa solo occuparsi delle persone, ma per qualcuno anche degli animali, che ancora oggi vengono trattati in modi esecrabili. Tiziano Motti eurodeputato della settima legislatura e fondatore dell’associazione di iniziativa parlamentare europea “Europa dei Diritti”, si batte proprio per tutelare anche il benessere degli animali e lo fa cercando di sensibilizzare i più giovani su questi argomento (http://www.bologna2000.com/2014/12/23/pieta-per-gli-animali-portati-al-macello-una-vittoria-per-l%C2%92impegno-animalista-dellon-tiziano-motti/). Sono tanti gli esempi di degrado e maltrattamento animale e l’intento è quello di comunicare e aprire le coscienze.  Una delle battaglie a tutela degli animali da parte di Tiziano Motti è stata quella contro la strage dei cani attuata in Ucraina in vista degli Europei di calcio. E’ stata realizzato la maglietta “Avrei voluto giocare anch’io”, indossata da numerosi deputati in segno di adesione alla campagna. “Il Trattato di Lisbona ci ricorda che gli animali sono esseri senzienti – afferma Tiziano Motti -e come tali li dobbiamo trattare e rispettare». Tra le altre iniziative, nella passata legislatura si è dibattuto delle terribili condizioni in cui vengono trasportati gli animali, in particolare quelli da macello, sulle strade europee. La discussione a Bruxelles verteva soprattutto sulla lunghezza dei viaggi, dichiarando che i tempi di trasporto degli animali non devono eccedere le 8 ore. Non solo gli eurodeputati hanno approvato un`agenda che riduce sì i tempi di viaggio ad 8 ore, ma anche la previsione di una serie di obiettivi addizionali tra i quali la realizzazione di macelli locali e contigui agli impianti di lavorazione per la carne, l’ammodernamento dei veicoli trasporto e una collaborazione tra tutti i Paesi membri al fine di rispettare le norme esistenti in tutta l’Ue, concordando criteri comuni.