Home Appennino Modenese Expo 2015 filo conduttore di “Musei da gustare”

Expo 2015 filo conduttore di “Musei da gustare”

Musei-da-gustareE’ l’Expo 2015 il filo conduttore dell’11^ edizione di “Musei da gustare”, la manifestazione,  promossa dal Sistema museale della Provincia di Modena,  che propone oltre 80 appuntamenti che invitano a provare “I Sapori della cultura”, titolo di questa edizione. “Musei da gustare” andrà in scena per due fine settimana: sabato 9 e domenica 10 maggio e sabato 16 e domenica 17 con anteprime in programma giovedì 7, venerdì 8 e venerdì 15 maggio.

Nelle giornate della manifestazione è prevista l’apertura gratuita o a costo ridotto dei musei; il programma propone incontri, mostre, itinerari ed escursioni guidate, laboratori, momenti musicali, banchetti all’insegna della rievocazione storica e degustazioni di enogastronomia locale, sul tema della tavola nelle sue varie declinazioni.

Fra le tante iniziative (il programma è disponibile nel sito Musei modenesi), nell’Appartamento nobile del Palazzo Ducale di Modena rivive il fastoso cerimoniale dei banchetti della corte estense con un percorso gioco per adulti e ragazzi; sempre a Modena al Museo Lapidario estense sono previste visite guidate dedicate alla cultura del vino sulle tavole dei Romani, mentre l’Orto botanico dell’Università propone domenica 10 maggio una visita guidata, conversazione e degustazione tutte dedicati al the; a Formigine, sempre venerdì 8, al Museo del castello si svolge una conferenza sulla cucina e sull’alimentazione rinascimentale con assaggi di antiche ricette; a Carpi i portoni del Palazzo dei Pio si apriranno in occasione della Biennale di xilografia contemporanea, mentre a S.Felice sul Panaro al Museo archeologico, venerdì 15 maggio, si presenta un volume su musica e cibo in Emilia Romagna. A Castelnuovo Rangone sabato 16 maggio apre il Museo della salumeria Villani, mentre nel pomeriggio dello stesso giorno apre anche la collezione Umberto Panini motor museum a Cognento di Modena.

A Marano il Museo civico di ecologia e storia naturale organizza escusioni guidate per scoprire le “erbe buone da mangiare”; nell’area archeologica di Montese sono previste degustazioni per scoprire la continuità fra cucina locale e cibi dell’età etrusca; tra Pievepelago e Roccapelago, domenica 17 maggio, si potrà camminare sull’antica via del Frignano anche qui con degustazioni ispirate agli antichi alimenti.

A Spilamberto il protagonista saranno le viste guidate al Museo dell’Aceto balsamico tradizionale di Modena, mentre il Parmigiano reggiano è protagonista al Museo della Bilancia di Campogalliano e a Sestola, con la rassegna “Maggio formaggio”.

A Bastiglia si propone una nuova consapevolezza contro gli sprechi alimentari con il progetto didattico “piattolindo”, il pane da antiche varietà di frumento sarà il tema al centro delle iniziative a Villa Sorra con il Museo Civico di Modena e Slow food. I bambini possono imparare l’arte di piegare il tortellino al Museo della Ceramica di Spezzano, mentre  al Parco Archeologico di Montale impareranno a prepararsi un panino “preistorico”. Sabato 9 maggio a Modena il Museo delle macchine da caffè della collezione Cagliari apre con visite guidate su prenotazione (con replica domenica 10 maggio).

Infine, un’opportunità speciale è offerta da ‘Discover Ferrari and Pavarotti Land’, che abbina la visita al Museo casa Enzo Ferrari di Modena e al Museo Ferrari di Maranello a un tour dedicato alle eccellenze artistiche ed enogastronomiche del territorio (info e prenotazioni: www.ferraripavarottiland.it).