Home Lavoro Flai Filt e Cgil Modena-ER: “Grave e inaccettabile quanto accaduto alla Castelfrigo:...

Flai Filt e Cgil Modena-ER: “Grave e inaccettabile quanto accaduto alla Castelfrigo: alla richiesta di diritti si risponde con le provocazioni dei vigilantes”

ADV


Castelfrigo-15-2Dopo il nulla di fatto nell’incontro che si è tenuto in Prefettura a Modena lo scorso 11 febbraio è continuato il presidio dei lavoratori davanti alla Castelfrigo.
Ricordiamo che la vertenza è nata dalla mancata applicazione del Contratto Nazionale nelle aziende in appalto, per contrastare condizioni di lavoro insostenibili e per tutelare l’occupazione nei cambi appalto.
Il dramma che si sta vivendo nel sistema degli appalti è sotto agli occhi di tutti: da anni come Cgil stiamo denunciando irregolarità contrattuali, retributive, fiscali e la penetrazione della malavita organizzata nella filiera produttiva.
Queste condizioni stanno esplodendo, in questo caso nel più importante distretto delle carni dell’Emilia Romagna e del paese, e i lavoratori non ce la fanno più.
Stiamo chiedendo solo l’applicazione dei contratti, l’applicazione delle regole nel regime degli appalti, l’applicazione del patto per il lavoro sottoscritto da tutte le istituzioni e le parti sociali dell’Emilia Romagna.
Alla Castelfrigo i lavoratori sono in lotta per avere riconosciute condizioni di lavoro dignitose e regolari.
Stiamo lavorando con tutte le istituzioni, locali e regionali, per ricercare una soluzione condivisa della vertenza.
La risposta dell’azienda è arrivata questa mattina con l’aggressione dei lavoratori da parte di vigilantes privati e poi con l’intervento inaccettabile, fatto su richiesta dei padroni della Castelfrigo, da parte della polizia.
In un paese democratico e in una regione che ha fondato il suo sviluppo sulle relazioni delle parti sociali e le istituzioni, quanto è accaduto questa mattina è grave e inaccettabile.
Continueremo il presidio sino a quando non verrà convenuta una soluzione condivisa e al lavoro riconosciuta la dignità che merita.
Andremo all’incontro convocato ancora domani in Prefettura a Modena con la volontà di definire un’intesa che riconosca ai lavoratori l’applicazione del contratto nazionale di lavoro e la clausola sociale nei cambi appalto.
Siamo convinti di essere nel giusto e solo attraverso il riconoscimento delle norme convenute possiamo parlare di sviluppo equo e sostenibile: speculare su chi lavora e fare cassa sulla pelle dei lavoratori non può essere considerato un modello economico e sociale.

(Cgil ER, Mattioli – Flai Filt Cgil Emilia Romagna, Franciosi e De Rose – Cgil Modena, Scacchetti – Flai Filt Cgil Modena, Bottura e Guida)

Articolo precedenteBanda furti carico Tir sgominata dalla Polstrada
Articolo successivoBologna: sparò a connazionale, si costituisce alla Polizia un cittadino cinese