Home Bologna CLAI, la cooperativa di Imola, festeggia 54 anni di successi: crescono le...

CLAI, la cooperativa di Imola, festeggia 54 anni di successi: crescono le vendite e l’export


prodotto-MilanoIl presidente Bettini: “Più forti della crisi, grazie al lavoro serio e costante dei soci e degli oltre 400 dipendenti, 120 dei quali assunti negli ultimi anni. Il rispetto per il territorio, per i consumatori e la difesa del made in Italy sono la nostra forza”.

CLAI-pulminoEra il 20 marzo del 1962 quando venne costituita, con l’elezione da parte del consiglio d’amministrazione del primo presidente Luigi Martignani, la Cooperativa Lavoratori Agricoli Imolesi. Oggi, 54 anni dopo, la CLAI festeggia il suo compleanno presentandosi ancora una volta come una della realtà agroalimentari più conosciute e importanti a livello internazionale nel mercato delle carni fresche bovine e suine e con una particolare specializzazione nel segmento del salame.

Sono i numeri a parlare: il 2015 è stato un altro anno positivo che ha fatto segnare 220 milioni di fatturato, con un incremento dell’export di salumi del 32%. Anche le vendite del salame, vero fiore all’occhiello della cooperativa grazie a una produzione tutta italiana (una rarità nel settore), hanno fatto registrare un aumento delle vendite del salame del 3,3%.

Una filiera controllata, dai campi alla tavola, rappresenta con i lavoratori (oltre 120 posti di lavoro creati negli ultimi anni) e il territorio, la scelta più forte della cooperativa. Una filosofia che da oltre mezzo secolo permette a CLAI di stare sul mercato nazionale e internazionale come protagonista.

Bettini-Clai“Crediamo che una realtà che produce valori sia destinata a vivere a lungo – spiega Giovanni Bettini, presidente CLAI – per questo continuiamo a puntare sulla qualità, sul lavoro delle persone e sul rispetto del territorio. Quest’anno in particolare puntiamo sull’eccellenza dei nostri salami, tra i pochi nel panorama nazionale, ad essere prodotti interamente con carni italiane. Un prodotto che abbiamo scelto come ambasciatore per portare la nostra qualità, tutta made in Italy, nel mondo”.