Home Carpi Carpi contribuisce a calmierare il costo degli abbonamenti del trasporto pubblico

Carpi contribuisce a calmierare il costo degli abbonamenti del trasporto pubblico

Seta-busComune di Carpi, Seta e aMo anche per il periodo estate 2016-estate 2017 eviteranno rincari fino al 70% per gli utenti della tratta Modena-Carpi-Rolo. Lo mette nero su bianco la Convenzione per gli abbonamenti integrati treno/bus mensili e annuali sulla tratta, recentemente rinnovata e che evita infatti l’applicazione automatica delle tariffe regionali “Mi muovo”; grazie al contributo economico di Agenzia della Mobilità, alla disponibilità di Seta a favorire l’equilibrio tariffario e anche ad un piccolo ma significativo contributo della stessa amministrazione comunale cittadina, di 2.000 euro.

Resteranno invariati così rispetto al 2015 i costi dei titoli di viaggio che consentono di viaggiare sulla tratta ferroviaria Modena-Carpi e sui servizi urbani delle due città, sia gli abbonamenti annuali e mensili che consentono di utilizzare il treno tra Modena e Carpi e i servizi bus urbani ed extraurbani.

Così, ha recentemente fatto sapere aMo, dal primo luglio 2016 un utente che debba acquistare un abbonamento mensile tra Modena e Carpi comprensivo del tragitto in treno e dei bus urbani, grazie alla Convenzione continuerà a pagare 58 euro anziché 76 previsti da “Mi Muovo”. L’abbonamento annuale intero gli costerà ancora 479 euro anziché 599, e quello ridotto studenti 453 euro anziché 573. L’utente che dovesse utilizzare un abbonamento mensile comprensivo del tragitto in treno e dei servizi bus urbani ed extraurbani spenderà poi per la tratta Carpi-Reggiolo/Novi 48 euro anziché i 76 previsti da “Mi Muovo”. L’abbonamento annuale intero gli costerà infine 399 euro anziché 585, l’annuale studente 355 anziché 538, con risparmi in questo caso di oltre 180 euro.

“Anche questo atto e il contributo a questa iniziativa – spiega l’assessore alla Mobilità Cesare Galantini – conferma l’attenzione che l’amministrazione comunale ha verso la mobilità sostenibile e gli utenti del trasporto pubblico, sia esso su gomma che su rotaia”.