Nuoto, Campionati Italiani Prove Oceaniche Cat. Es.A-R-J-C-S: Luca Lei sa sorridere, come Meschiari e Sanna

    Pubblicità










    Luca-LeiAl Bagno 7 di Riccione quasi 600 atleti in rappresentanza di più di 50 società hanno dato vita alle quattro prove del calendario del campionato italiano di categoria del nuoto di salvamento, per 3 giornate di prove oceaniche: frangente,sprint sulla spiaggia, tavola e bandierine sulla spiaggia. Tutto molto complicato per i Nuotatori Modenesi che visto la nostra vicinanza al mare, preparano praticamente tutto tra piscina e parco.

    L’apertura delle ostilità è stato dato con la gara del frangente. Partenza scattando dalla spiaggia verso le 2 boe in mare e ritorno con arrivo ancora sulla spiaggia dopo  un ferro di cavallo di circa 400 metri di nuoto.

    Qualificati quali vincitori della loro batteria Kevin Farina e Luca Lei sono i protagonisti della finale in cui hanno avuto accesso senza gloria anche Guerzoni, Alberini e DeVitis. Luca Lei vince il primo titolo tricolore nel rescue anticipando Rinaldi (SC Alessandria) e Cipriano (Gym Sport Scafati) e stupisce tutti esibendo un sorriso di felicità sul podio.

    Kevin Farina paga con la poca esperienza nelle gare di gruppo in mare la fisicità che tra gomitate calci lo limitano. Nonostante la rimonta esterna del gruppo, si classifica 12°.

    Tra le junior Martina Dallari fa le prove vincendo la batteria 1 e accede alla finale in cui tutto gira come deve e sale sul podio preceduta da Morbin (Amici Riva) e Fabbretti (De Gregorio Roma) con Lucrezia Fantuzzi  vicina, ma alla fine 5,  Emma Corradini 10^ e Aurora Amici 16^

    Al maschile in finale c’è solo Luca Maini, ma tra i 30 classificati è 6°, posizione che piace anche tra i cadetti dove troviamo Marco Martinelli anticipato da Nico Zucchi 5°. Categoria che al femminile vede Maddalena Lonardi 7^ seguita da Ferrari, Maini, Lami e Leonelli. Tutte in zona punti.

    La specialità con i podi più eterogenei del programma è ancora gialloblu con i successi di Silvia Meschiari  con Giuditta Pascotto 8^, Martina Mazzi 15^ e Benedetta Pifferi 21^ e Daniele Sanna  che tra i senior mostra la sua superiorità precedendo gli altri azzurri Bartolo e Gilardi. Matricole nelle retrovie  Andrea Raguzzoni, Francesco Romano , Andrea Lugli e Marco Spoto del l’Asi Nuoto Modena.

    Lasciando la specialità nuotata e spostandoci su altri campi gara iniziano le note tristi. Per i nostri portacolori nelle bandierine arriva quarta  Angela Ferrari e 16ma Sara Leonelli in finale B come Luca Maini e Luca Cattozzi (Asi Nuoto) Sporadiche apparizioni nel dominio ligure delle gare con tavola in cui Martinelli e Maini accedono comunque alla finale consentendo a Maranello di concludere nella classifica per società quinti con i cadetti , ottavi con gli junior, 17i con i Ragazzi e 21 con i senior anche complice l’infortunio della Pascotto dopo il frangente.

    Il tricolore di categoria faceva da torneo di qualificazione all’assoluto che prendeva corpo nelle 2 giornate immediatamente successive. Silvia Meschiari ha fatto il tris ripetendosi nel frangente con Francesca Mini 17^ e migliore dei Nuotatori, nel salvataggio a tavola delle Fiamme Oro con Samantha Ferrari e nella staffetta spiaggia cedendo solo nell’ocean alla Borgnino della Marina Militare, ma vincendo la staffetta torpedo dove trova sul podio Martina Mazzi al bronzo con il quartetto del CN Nichelino. Sfiorano l’accesso alla finale i Nuotatori Modenesi che possono contare Luca Lei unico 2001 nella finale assoluta del frangente piazzato a metà classifica preceduto da Martinelli e Maini. Fuori discussione lo scudetto che anche grazie a Meschiari è andato alle Fiamme Oro.

    Pubblicità











    Articolo precedenteF1, Hamilton vince anche in Germania. Sebastian chiude quinto davanti a Kimi
    Articolo successivoAnas, esodo estivo 2016: concluso positivamente il primo weekend con bollino rosso