Home Scuola Scuole Muratori Vignola, concluso il primo stralcio di lavori per il miglioramento...

Scuole Muratori Vignola, concluso il primo stralcio di lavori per il miglioramento sismico

Si sono conclusi ieri, con una decina di giorni di anticipo sul programma prestabilito, i lavori del primo stralcio per il miglioramento sismico delle scuole medie Muratori. L’intervento, eseguito dalla ditta D. Edil Project S.r.l.., è stato finanziato con fondi del bilancio comunale per un importo complessivo di 323.000 euro, e ha visto la sistemazione di tutta l’ala che insiste su via Di Vittorio, con la realizzazione su tutti e tre i livelli dell’edificio di “presidi per l’antisfondellamento dei solai”.

E’ stata inoltre eseguita la ritinteggiatura di tutti gli spazi interessati dall’intervento, dalle aule scolastiche ai locali di servizio. Sono stati poi portati a termine interventi di ripristino strutturale della palestra di via della Resistenza, normalmente utilizzata dagli studenti delle scuole Muratori.

“Inoltre – ha aggiunto il vicesindaco e assessore ai lavori pubblici, Angelo Pasini – per il 2018 abbiamo un buon piazzamento nella graduatoria del piano triennale 2018-2020 di edilizia scolastica, approvato dalla Provincia di Modena, per il secondo stralcio di lavori per le scuole Muratori, il cui importo è stimato in 750mila euro, con contributo a carico dello Stato di 525mila euro. Siamo in attesa del via definitivo per bandire la nuova gara e aggiudicare l’appalto, procedura che deve concludersi entro la primavera 2019 per fare i lavori nella pausa estiva seguente”.

Per il 2019 – ha proseguito Pasini – siamo primi in graduatoria, seppur quest’ultima sia ancora provvisoria e in attesa di conferma delle risorse effettivamente disponibili, per la ripetuta pianificazione triennale 2018-2020 già approvata dalla Provincia di Modena. Il progetto contempla il terzo e conclusivo stralcio dei lavori del programma di miglioramento sismico delle medie Muratori, per un importo di 1milione500mila euro, con un finanziamento al 70%, se sarà appunto confermato, anche questo a carico dello Stato”.