Home Reggio Emilia La biblioteca di Albinea spegne 10 candeline e festeggia con tre giorni...

La biblioteca di Albinea spegne 10 candeline e festeggia con tre giorni d’iniziative

ADV


Un compleanno che durerà tre giorni. Se la merita proprio questa festa la biblioteca Pablo Neruda di Albinea, che festeggia i dieci anni dalla sua inaugurazione che avvenne il 14 marzo del 2009.

L’edifico, con l’esterno in corten, è dotato di ampie vetrate che favoriscono una straordinaria illuminazione interna ed è inserito alla perfezione nel contesto naturale del parco dei Frassini. La struttura è completamente autonoma dal punto di vista energetico, dispone di un patrimonio librario invidiabile e negli anni, grazie all’annessa sala civica, ha ospitato eventi, incontri culturali, presentazioni e mostre che hanno ottenuto un grande successo di pubblico. Affacciata su piazza Cavicchioni, forma con la sede del centro Giovani e quella della Pro Loco, un plesso culturale aperto a tutta la cittadinanza.

In questi anni la biblioteca ha riscosso sempre più successo. Sono tantissime le famiglie e gli studenti, non solo albinetani, che utilizzano i suoi spazi. Tanto che l’amministrazione ha deciso, oltre all’apertura domenicale, di aggiungere al calendario di aperture, anche il pomeriggio di mercoledì.

La festa inizierà ufficialmente venerdì 15 marzo, alle 21, con l’incontro dal titolo “Quanto Paura fa l’immigrazione” che sarà condotto da Alessandra Ballerini, avvocato per i diritti umani, e Lorenzo Terranera, famoso illustratore. I due racconteranno “Fifa Nera Fifa Blu”, un libro scritto per bambini, che parla agli adulti, a cui è dedicata la serata. Condurrà la serata Eros Miari di Equilibri.

Sabato mattina si terrà il momento ufficiale delle celebrazioni: alle 10.30, in sala civica, verrà presentato il progetto di ampliamento della biblioteca che consentirà di ricavare altri spazi dall’edificio adiacente e rendere ancor più organico il collegamento con il Centro Giovani e la Scuola di italiano per stranieri.

Si inizierà con i saluti del sindaco Nico Giberti. Seguiranno gli interventi della deputata Antonella Incerti, primo cittadino ai tempi dell’inaugurazione della struttura, del sottosegretario alla presidenza della Regione Emilia-Romagna Giammaria Manghi e della responsabile della biblioteca Maria Cristina Bulgarelli. Infine prenderanno la parola gli architetti Francesca Vezzali e Giorgio Adelmo Bertani, progettisti della biblioteca.

Coordinerà l’incontro la giornalista di Telereggio Margherita Grassi. Seguirà un rinfresco offerto a tutti i presenti.

Alle 16 Lorenzo Terranera sarà ancora protagonista di “Fifa Nera Fifa Blu. Attraversare il mare e la paura”, un laboratorio per bambini e bambine dai 6 ai 10 anni con prenotazione obbligatoria al numero 0522.590262

Alle 17 spazio all’ “Incursione poetica semi seria” con omaggio a Pablo Neruda di Laura Pazzaglia. Si tratterà di un’azione poetica sulle scale con torta a sorpresa per omaggiare il lavoro silenzioso e segreto dei bibliotecari.

La giornata finirà con un grande ospite: alle 21 infatti lo scrittore, sceneggiatore e drammaturgo Stefano Massini sarà in sala civica per l’incontro dal titolo “L’officina delle parole”. Massini è stato definito il “raccontastorie più popolare del momento”, con i suoi affreschi narrativi è in grado di toccare il cuore e la mente, grazie a uno stile unico che intreccia vicende, temi, personaggi del passato, miti moderni, fatti di cronaca con gli stati d’animo dell’essere umano. La narrazione è per lui il grimaldello che lo porta, come un rabdomante, a rintracciare e collegare storie ricreandole dai materiali più diversi, come accade nei suoi popolarissimi interventi televisivi il giovedì sera a “Piazzapulita” su LA7, ma anche nelle colonne del quotidiano “la Repubblica”, nei romanzi, nei saggi e nelle opere per teatro diffuse in tutto il mondo. I suoi testi (il più celebre sulla banca Lehman) sono tradotti in 24 lingue e portati in scena da registi come Luca Ronconi o il premio Oscar Sam Mendes. Il suo ultimo libro è “Dizionario inesistente” (Mondadori 2018).

La festa continuerà domenica 17 marzo con “Aspettando Libr’Aria”: storie, musiche e narrazioni con Alessandra Baschieri e Gianluca Magnani.

Alle 17 il compleanno si concluderà con un concerto d’archi dei musicisti Francesco Bonacini (violino) e Francesco Saccò (violoncello).

La festa avrà anche un “prequel” giovedì 14 marzo. A partire dalle 9 e fino alle 13 infatti si terrà ad Albinea unagiornata di formazione con Chiara Faggiolani in cui si parlerà di “Biblioteconomia sociale e nuovi strumenti di valutazione dei servizi bibliotecari”.

L’appuntamento è sostenuto dalla Commissione tecnica provinciale dei bibliotecari e dalla Consulta degli Assessori alla Cultura.

Si tratta del primo incontro di un percorso di riflessione, approfondimento e rilancio delle biblioteche reggiane e del Sistema bibliotecario della Provincia.

Chiara Faggiolani è ricercatrice all’Università La Sapienza di Roma, dove insegna Metodologie di analisi e gestione dei servizi bibliotecari ed Economia e Sociologia della cultura. E’ anche membro della Commissione Nazionale AIB per le Biblioteche Pubbliche e del gruppo di studio su Valutazione e management della qualità in biblioteca.

Articolo precedenteFormigine, il candidato Sindaco del MoVimento 5 Stelle si presenta alla cittadinanza
Articolo successivo#FridaysForFuture, la Cgil di Modena aderisce allo sciopero globale per il clima