Home Appennino Modenese Parte da Polinago “Note e Arte nel Romanico”

Parte da Polinago “Note e Arte nel Romanico”

Torna la rassegna musicale “Note e Arte nel Romanico” che, giungendo alla sua XVIIesima edizione, ci accompagnerà per tutta l’estate con un ricchissimo programma di quindici appuntamenti.

Gli appuntamenti di “Note e Arte nel Romanico” si terranno nei luoghi sacri più suggestivi dei Comuni di Polinago, Fiumalbo, Pievepelago, Riolunato e Serramazzoni.

La rassegna, nata nel 2002, si pone da sempre l’obiettivo di far conoscere e valorizzare le ricchezze storiche e culturali dell’Appennino modenese come le antiche chiese, le pievi romaniche e gli oratori dei comuni ospitanti con l’aiuto di un programma musicale di alto livello.

“Note e Arte nel Romanico” è promossa dalle Parrocchie e dai Comuni dove si svolgono i concerti con il contributo della Regione Emilia Romagna ed il patrocinio della Provincia di Modena, in collaborazione con la Parrocchia San Bartolomeo in Fiumalbo, l’Accademia “Lo Scoltenna”, la Parrocchia di Rocca Santa Maria, il Comune Di Palagano e Fiumalbo Città d’Arte.

La direzione artistica è dell’Associazione Culturale Cantieri d’Arte.

Il calendario di quest’anno è molto vario. Ci saranno infatti diversi duo strumentali (duo di corno e organo il 13 luglio a Serramazzoni, pianoforte a quattro mani l’1 agosto a Fiumalbo, duo di arpe il 10 agosto a Serramazzoni, duo di violino e chitarra il 18 agosto a Fiumalbo, duo di flauto e chitarra il 22 agosto a Riolunato e duo di fisarmoniche il 24 agosto a Palagano) ed ensemble strumentali di vario genere (flauto, chitarra, clarinetto e mandolino il 14 luglio a Riolunato, flauto, viola e clavicembalo il 4 agosto a Pievepelago e quartetto d’archi il 7 agosto a Fiumalbo).

Non mancheranno gli appuntamenti dedicati ai musicisti solisti (cornamusa irlandese il 30 luglio a Fiumalbo e chitarra solista l’11 agosto sempre a Fiumalbo) e le serate dedicate al repertorio vocale (soprano, mezzosoprano, organo e clarinetto il 6 luglio a Polinago, mezzosoprano e organo il 27 luglio a Serramazzoni e soprano e violoncello il 28 luglio a Fiumalbo).

Inoltre, domenica 28 luglio, alle ore 21, nella splendida cornice della Chiesa del Seminario di Fiumalbo, verrà messa in scena l’Opera Suor Angelica di Giacomo Puccini.

Tutti i concerti della rassegna “Note e Arte nel Romanico” sono ad ingresso libero e gratuito.

Il concerto che darà il via alla rassegna di quest’anno, si terrà Sabato 6 luglio 2019, alle ore 21, presso la Chiesa Parrocchiale della Beata Vergine Assunta, a Polinago.

Protagonisti della serata saranno il soprano Plamena Angelova, il mezzosoprano Alicia Paredes, l’organista Roberto Bonetto ed il clarinettista Paolo Forini che, con il programma “Laudamus Te”, ci proporranno una suggestiva serata ricca di musica sacra vocale e strumentale scritta dai più celebri compositori della storia.

Plamena Angelova nasce a Roussè, in Bulgaria, dove inizia la sua formazione vocale con la Prof. Katrin Emilova al liceo Musicale Stoyanov. Nel 2008 debutta nel ruolo della bambola Olympia, con l’Orchestra Nazionale del Teatro Filarmonico di Roussè. Collabora con importanti direttori d’orchestra come Jean Yves Gouden, Milen Nachev, Dragomir Yosifov, Svilen Dimitrov, Andrya Pavlich, Dan Dediu, Ciprian Teodorascu con i quali si esibisce in repertori sinfonici e operistici. Nel 2013 si laurea in canto lirico all’Università Nazionale di Musica di Bucarest. Nello stesso anno vince Il Trofeo Ion Dacian. Nel 2014 partecipa allo spettacolo Il Pellicano di August Strindberg, nel ruolo principale di Gherda debuttando al Teatro Drammatico Mignon di Bucarest. Nel 2015, debutta come Regina della Notte nell’opera Il Flauto Magico di Mozart. Nel 2016 partecipa al Festival Internazionale George Enescu con l’opera contemporanea Il Baron Münchhausen di Dan Dediu. Collabora quindi con l’Opera Nazionale di Roussè e si esibisce impersonando Marilyn Monroe nella prima assoluta dell’opera Der Marilyn Monroe Prozess di Roland Baumgartner. Nell’estate 2017 continua la sua attività concertistica sui palcoscenici italiani dove attualmente vive in Italia e sta perfezionando i suoi studi di canto.

Alicia Paredes, mezzosoprano, si dedica alla musica fin da molto giovane forgiando da subito la sua carriera. Laureata in pedagogia della danza classica presso l’Università Rey Juan Carlos di Madrid. Ha conseguito un Master in Artista di scena, dove lega i tre principali generi del teatro (danza, canto e interpretazione). Grande esperienza con concerti, rappresentazioni teatrali e coreografie proprie, ove dimostra una passione artistica innata. Perfeziona i suoi studi di canto al Conservatorio di Verona con il M° Maria Sokolinska, e prima con il M° Antonella Pianezzola. Si forma con Carlos Espinosa e il pianista Rogelio Gavilanes a Madrid. Si esibisce come solista al 60° Festival della Biennale di Venezia. Interpreta Berta del Barbiere di Siviglia di Rossini a Verona.

Si esibisce a Verona nel Requiem di Mozart sotto la direzione del M° Lanaro e ne “Le Parole di Cristo in croce” di G. Gerarci sotto la direzione del M° Don Alberto Turco e nel Gloria di Vivaldi. Grazie alla sua voce scura, potente e dolce e di grande personalità, riesce a cimentarsi in composizioni di diversi generi e stili.

Roberto Bonetto ha studiato organo, clavicembalo e composizione presso i conservatori di Verona e Padova.

Ha partecipato a numerosi corsi di perfezionamento tenuti da celebri docenti, approfondendo in seguito lo studio del repertorio romantico francese a Parigi con Naji Hakim.

Dal 2005 al 2018 ha partecipato alle numerose esecuzioni europee della “Révolte des Orgues” di Jean Guillou.

Svolge attività concertistica in Italia e all’estero. Attualmente è organista dell’Abazia di Isola della Scala e docente di armonia e analisi presso il conservatorio di Verona.

Paolo Forini ha compiuto gli studi musicali presso i Conservatori “F. E. Dall’Abaco” di Verona e “G. Verdi” di Milano diplomandosi in clarinetto sotto la guida del Maestro A. Gerbi. Svolge attività concertistica in varie formazioni suonando in diversi festival Italiani ed esteri.

Ha collaborato, in qualità di clarinetto/clarinetto basso, con l’orchestra “A. Centazzo” di Bologna e, come solista, si è esibito con diverse formazioni orchestrali.

È insegnante di Clarinetto presso diverse istituzioni musicali e docente negli istituti di scuola secondaria. Già direttore del “Corpo Bandistico” di Roncolevà (VR),è inoltre maestro della “Cappella Musicale” di Isola della Scala (VR) con la quale ha interpretato, accompagnato da diverse formazioni orchestrali, importanti pagine del repertorio musicale.