Home Appuntamenti La danza contemporanea protagonista ai Chiostri di San Pietro a Reggio Emilia

La danza contemporanea protagonista ai Chiostri di San Pietro a Reggio Emilia

Bolero (foto di Luca Vantusso)

La grande danza contemporanea ritorna nella suggestiva scenografia dei Chiostri di San Pietro con un programma a cura della Fondazione Nazionale della Danza / Aterballetto in collaborazione con la Fondazione Palazzo Magnani e il Comune di Reggio Emilia nell’ambito di Restate 2019. Ne sono protagoniste due compagnie di rilievo internazionale con sede a Reggio Emilia: Aterballetto, con un trittico che ne rispecchia la creatività e versatilità interpretativa, e la MM Contemporary Dance Company, che trae ispirazione da due tra i brani più noti e ascoltati della storia della musica classica, Carmen e Bolero.

 

Domenica 21 luglio alle ore 21,30, la compagnia MM Contemporary Dance Company, propone Carmen / Bolero, in cui i ballerini danzeranno su due grandi brani del repertorio musicale, interpretati grazie alle coreografie di Emanuele Soavi e Michele Merola (foto).

Nella prima parte, la Carmen di Emanuele Soavi ci immerge nella trama fatta di sottili relazioni e tensioni della celebre opera di Bizet. Ampio spazio è dato al virtuosismo tecnico e teatrale degli interpreti in scena, che avvolge drammaturgicamente il pubblico in una trama fatta di sottili relazioni, equilibri e ricami, fra tensione e sospensione di movimenti e gesti. Uno spettacolo che racconta, attraverso la bellezza dei corpi dei danzatori, la storia autentica dell’opera-comique, in cui veri protagonisti sono le passioni che infiammano i personaggi.

Michele Merola si è confrontato, invece, con la musica ossessiva e ripetitiva del Bolero, (ha vinto, per questa creazione, il Premio al Merito alla Coreografia di Europaindanza 2017) scegliendo di mettere in scena la varietà di umori che circolano intorno e dentro al rapporto di coppia: paure, desideri rimossi, scosse emotive, legami segreti e a poco, a poco, l’ironia lascia il posto al timore, l’amore al disinganno, il distacco alla condivisione, in un crescendo e calando che è quello della musica del Bolero.

Martedì 23 luglio, sempre alle 21,30 ancora danza ai Chiostri di San Pietro, con la serata di chiusura di stagione per la Fondazione Nazionale della Danza /Aterballetto con ben tre coreografie: Abiectio – “O” – BLISS.

Abiectio, di Damiano Artale, è un coinvolgente passo a due sulle note della Passione di Bach e il Requiem Pies Jesus di Fauré. Quando la violenza bagna l’animo di un essere umano, celebriamo il fallimento della comunicazione, altresì il funerale dell’educazione. Spaventato e disorientato, un individuo ferito si guarda allo specchio con degradante mortificazione e risponde al mondo esterno attaccando. Ogni uomo, tuttavia, in possesso di quel particolare dono chiamato empatia, si pone in maniera immediata e positiva nella condizione dell’altro, creando così legami, in grado di dissipare l’abiezione.

A seguire “O” di Philippe Kratz, coreografia di un passo a due dal ritmo inarrestabile premiata al prestigioso concorso di Hannover 2018. L’idea alla base di “O” è l’eternità, per cui l’obiettivo finale dell’umanità è il suo raggiungimento. “O” può essere inteso come l’interazione tra due esseri umani o due robot che celebrano questa conoscenza in uno stato di trascendenza e realizzazione emotiva, in cui entrambi si muovono insieme al ritmo infinito dei loro cuori inarrestabili.

Infine BLISS, capolavoro di Johan Inger sulle note del Koln Concert di Keith Jarrett, è un inno alla gioia di danzare, che emana felicità e soprattutto vita.. Una gioia per gli interpreti, che si arrendono alla musica senza alcuna resistenza, e per il pubblico, che può ammirare la maturità e la bravura di ciascun ballerino.

 

Intero 12 €

Ridotto 9 €: under 30, scuole di danza DanzaRE (Arcadia, Danzarte, Eidos Danza, Let’s Dance, Progetto Danza), Liceo Coreutico Matilde di Canossa, over 65

Ridotto 3 €: under 8

Info e prenotazioni: 0522 273011, 334 1023554, info@aterballetto.it www.biglietteriafonderia39.it