Home Modena SconfiniaMo, la quarta edizione sabato 26 ottobre al Teatro Tempio

SconfiniaMo, la quarta edizione sabato 26 ottobre al Teatro Tempio

Sabato 26 ottobre  dalle ore 16, nel cortile del Teatro Tempio di Modena (viale Caduti in Guerra 192) si terrà la quarta edizione di “SconfiniaMO” un progetto, ideato e realizzato dalle Acli modenesi, teso a vivere la multiculturalità, che già esiste nella nostra città, come un arricchimento volto all’inclusione sociale e alla non discriminazione.

Anche quest’anno protagoniste della giornata ci saranno persone provenienti da realtà geografiche anche molto distanti da noi e che sono già parte della nostra comunità. Condivideranno con i partecipanti la loro storia attraverso racconti, poesie e curiosità accompagnati da un aperitivo multiculturale con le varie prelibatezze delle loro terre. Si continuerà, poi, con balli, canti ed esibizioni di tutti i colori del mondo. Sono tantissime le associazioni, le comunità e le persone che dialogano e si confrontano attorno a un tavolo per portare avanti obiettivi comuni.

“Sono veramente contenta _ racconta Silviana Siggillino, neo presidente provinciale Acli _ dalla provenienza delle adesioni ricevute quest’anno: Eritrea, Etiopia, Colombia, Santo Domingo, Ghana, Albania, Perù, Marocco e Russia sono solo alcuni dei paesi che saranno rappresentati durante la giornata”.

Durante la giornata sarà presentata anche la campagna #ioaccolgo, della quale le Acli sono promotori, per offrire, tra i tanti obiettivi,  voce e visibilità ai tanti cittadini che condividono i valori dell’accoglienza e della solidarietà e che vogliono esprimere il proprio dissenso rispetto alla “chiusura dei porti”, al decreto Sicurezza e in generale alle politiche anti-migranti, mettendo in rete le molte iniziative già attive e promuovendone di nuove;

Tutta l’operazione è stata realizzata dai ragazzi del servizio civile delle Acli, coordinati dalla presidenza, per favorire la comprensione reciproca fra le diverse nazionalità presenti sul territorio e portare avanti un’idea di valori e principi condivisi non solo dalla dichiarazione dei diritti dell’uomo, ma anche dalla nostra Costituzione, con l’obiettivo di creare una forte rete che parli di una città multiculturale in modo gioioso e allegro dove adulti e bambini potranno entrare in contatto diretto con realtà che sembrano distanti ma che vivono nella nostra città da moltissimi anni.

L’evento, patrocinato dalla Provincia di Modena e dal Comune di Modena, è stato realizzato in collaborazione, tra gli altri, con Casa della Saggezza, Tefa Colombia, Csv,  Associazione Madre Teresa, Associazione Donne nel mondo, Associazione giovani del Ghana, associazione Nigeriana, Associazione Peruviani a Modena
Unione Sportiva Acli, Gruppo solidale di Acquisto Insieme Acli.