Home Appuntamenti Sabato in Biblioteca Panizzi, incontro con le grafologhe Iride Conficoni ed Elena...

Sabato in Biblioteca Panizzi, incontro con le grafologhe Iride Conficoni ed Elena Manetti

Quanto conta oggi imparare a scrivere a mano? Mentre si va riscoprendo l’importanza della manoscrittura come “una pratica fisica che produce gioia”, da molti anni i bambini sembrano aver perso il piacere di utilizzare penna e inchiostro, di assaporare la concentrazione e la lentezza date dalla produzione del segno grafico.

Imparare a scrivere a mano, quindi, è un’opportunità o una necessità? Ne parliamo insieme alle grafologhe Iride Conficoni ed Elena Manetti, sabato 16 novembre alle 16.00 in Biblioteca Panizzi. Una riflessione volta ad analizzare come l’approccio delle istituzioni scolastiche favorisca in alcuni casi i mezzi digitali per l’ottenimento di un risultato apparentemente più “pulito” e funzionale: si legge meno e si scrive meno, si predilige una comunicazione iconica, fatta ad immagini e deverbalizzata; eppure proprio in questo periodo si comincia a riscoprire la preziosità e l’importanza della manoscrittura: una marcia indietro che torna ad imporre agli allievi un tempo limitato e controllato al computer, per favorire il ritorno a carta e penna. L’imparare a scrivere a mano coinvolge allievi e docenti: entrambi pronti a scoprire o riscoprire, senza fatica e in modo giocoso, la padronanza del gesto grafico con le sue regole, la postura, il movimento, la corretta impugnatura.

Un’analisi puntuale contenuta nel volume Imparare a scrivere a mano (Epsylon, 2018) a cura di Cinzia Angelini, Elena Manetti e del Laboratorio di Pedagogia sperimentale dell’Università Roma Tre e dell’Arigraf (Associazione di Ricerca Grafologica).

Interverranno nell’incontro:

Iride Conficoni, grafologa. Collabora con l’Istituto Grafologico Internazionale “Girolamo Moretti” di Urbino ed è nello staff della campagna per il diritto di scrivere a mano indetta dall’Istituto. È autrice di testi quali Caratteri tra le righe (2012), I tratti della personalità (2013), Una squola con la q (2013). Ha inoltre pubblicato numerose raccolte di poesia.

Elena Manetti, diplomata a Parigi presso la Société Française de Graphologie. Docente di materie letterarie nelle scuole superiori e di corsi di aggiornamento per insegnanti, presidente e docente presso ARIGRAF. Per la RAI ha condotto una rubrica su “Letteratura Italiana e Grafologia”, in onda su Radiouno; direttore responsabile della rivista specializzata “Stilus – percorsi di comunicazione scritta”, è docente al corso di “Grafologia generale: dell’orientamento professionale, dell’età evolutiva clinico -valutativa e forense” presso l’Università di Roma “Sapienza”. Tra le pubblicazioni: Espressione della musica e della grafia nel barocco italiano (Giuffré, 1997), La personalità di Ruggero Giovannelli dall’esame grafologico di un diario sistino (Fondazione Giovanni Pierluigi da Paletrina, 1998), La nostra scrittura, un test per riconoscersi (Sovera, 2010), Va pensiero, Giuseppe Verdi, un percorso grafologico -biografico dell’uomo e dell’artista (Pioda imaging, 2013), Osservazioni sulla scrittura dei bambini (Epsylon editrice, 2015).

Tutti gli appuntamenti della rassegna InSalaReggio si terranno nell’omonima sala al piano terra della Panizzi. L’ingresso è libero e gratuito.

Per maggiori informazioni e per conoscere il programma completo consultate il sito www.bibliotecapanizzi.it