Home Publiredazionali publiredazionali modena Il futuro dei social media, del commercio sociale e dell’economia della condivisione

Il futuro dei social media, del commercio sociale e dell’economia della condivisione

Quali tecnologie, piattaforme e dispositivi che utilizziamo oggi saranno rilevanti nel prossimo futuro e quali no? L’istituto di ricerca “Marketagent Schweiz” ha intervistato 1’000 persone nella Svizzera tedesca e francese sul livello di consapevolezza e le considerazioni di base sull’utilizzo di diversi settori, tecnologie, apparecchi e processi.

Sebbene la tendenza verso la “economia della condivisione” sembri lentamente guadagnarsi terreno anche nel settore degli alloggi in Svizzera, circa la metà degli svizzeri (52%) conosce ad esempio AirBnB, la più nota piattaforma per l’affitto a breve termine di alloggi privati. Tuttavia, il numero di persone che in Svizzera accolgono gli ospiti stranieri all’interno delle proprie quattro mura è ancora minimo. Solo il 2% della popolazione apre le porte agli ospiti di passaggio. D’altro canto, la piattaforma viene utilizzata per effettuare prenotazioni vivaci: il 22% degli intervistati ha già soggiornato in un alloggio AirBnB in Svizzera o all’estero.

Fondi d’investimento in pericolo

Milioni di seguaci in tutto il mondo si collegano ogni giorno alle piattaforme di social trading. Un crescente appetito per gli investimenti sta spingendo molti individui ad iniziare a fare trading dalla comodità dei loro divani. Un pericolo diretto per le banche e i fondi di investimento che vedono ridotto il capitale loro affidato. Tra queste note piattaforme, Etoro conta già 140 milioni di trader registrati in tutto il mondo. Un numero che fa impallidire le banche di tutto il mondo a confronto. Ci sono anche altre piattaforme di successo, alcune delle quali sono di proprietà di banche, è possibile trovare recensioni e dettagli di questi siti su https://www.trading-binario.org/

Uber Vs Taxi
Il trasporto di passeggeri in taxi è un altro settore che sta cambiando: l’accusa secondo cui il servizio di trasporto mette i passeggeri in difficoltà le compagnie di taxi tradizionali non è una novità. Il sondaggio per il “Monitor of Future Technologies” mostra che una persona su dieci ha già guidato con Uber. Nella Svizzera tedesca, tuttavia, meno della metà delle persone (8%) utilizza il servizio rispetto alla Svizzera francese (20%). Se si fa una distinzione in base all’età, il più delle volte sono le persone sotto i 40 anni ad usare Uber.

La fine del GPS?
I produttori devono tenere d’occhio anche l’uso di alternative digitali nel settore degli elettrodomestici: gli smartphone offrono ora eccellenti funzioni di navigazione – e tutti sono dotati di materiale cartografico aggiornato. Queste applicazioni significano la fine di Garmin, TomTom e Co. a lungo termine? Il primo numero del “Monitor of Future Technologies” prevede infatti un futuro piuttosto cupo per i veterani del settore dei dispositivi di navigazione. Infatti, mentre il 53% degli intervistati possiede un dispositivo di navigazione, solo il 21% prevede di utilizzarlo più frequentemente dell’applicazione nei prossimi dodici mesi. Il 68% preferisce affidarsi interamente alla navigazione tramite l’applicazione.

Nell’ambito del nuovo “Monitor of Future Technologies” lanciato da Marketagent Svizzera, è stato condotto un sondaggio rappresentativo per determinare quali offerte, applicazioni e tecnologie potrebbero diventare un pericolo latente per gli operatori e le industrie consolidate. Le aree esaminate comprendevano le transazioni di pagamento, il social trading, i broker assicurativi, i finanziamenti, gli asset manager, il commercio, il noleggio di auto/condivisione, la proprietà di attrezzature, la TV/streaming online, la condivisione di video, i social media, il noleggio/condivisione di immobili, la condivisione di foto e le telecomunicazioni/messaggistica. Nell’ottobre 2016 sono state intervistate 1’000 persone nella Svizzera tedesca e francese di età compresa tra i 14 e i 65 anni.