Home Economia Maranello, ok al bilancio di previsione: priorità a scuole, sostegno alle famiglie,...

Maranello, ok al bilancio di previsione: priorità a scuole, sostegno alle famiglie, sicurezza e ambiente

Tasse, rette e tariffe invariate, perché l’impatto economico della pandemia gravi il meno possibile sulle famiglie. Importanti investimenti sulle opere pubbliche, dalla realizzazione dell’atteso Parco dello Sport agli interventi antisismici e di efficientamento energetico delle scuole, passando per il verde e la viabilità. Ulteriori investimenti sulla sicurezza, attraverso il potenziamento delle telecamere e delle attrezzature per i controlli stradali, e una digitalizzazione dei servizi comunali sempre più vicina alle esigenze dei cittadini. Il tutto abbassando l’indebitamento dell’ente, che nei prossimi tre anni scenderà di un altro 28%.

Si articola su queste direttrici il bilancio di previsione per il prossimo triennio approvato ieri sera dal Consiglio comunale di Maranello, che al capitolo delle spese correnti concentra le maggiori risorse su istruzione, sviluppo sostenibile, politiche sociali e sostegno all’economia locale. Una manovra da 30,6 milioni di euro, studiata per mettere al riparo gli equilibri contabili del Comune e al tempo stesso per migliorare i servizi al cittadino, peraltro rilanciando sugli investimenti anche grazie agli ingenti finanziamenti intercettati.

“L’emergenza sanitaria quest’anno ha stravolto le nostre vite – sottolinea il sindaco Luigi Zironi – e ha avuto un impatto notevole sulle entrate comunali, sia in termini di imposte che a livello extratributario. Nonostante ciò, grazie anche ad una solidità di bilancio raggiunta nel corso degli anni e ai contributi straordinari erogati dal governo con i diversi decreti, siamo riusciti a far quadrare i conti senza toccare le imposte locali né le tariffe, riducendo l’indebitamento e confermando sia i servizi che le agevolazioni alle persone in difficoltà”.

“Ovviamente ogni previsione sul 2021 – aggiunge il primo cittadino maranellese – potrà essere rivista in corso d’opera: molto dipenderà dall’andamento della pandemia e dalle risorse messe in campo dallo Stato. Ma il nostro lavoro è stato impostato proprio per garantire un’adeguata flessibilità, utile a sviluppare, in caso di necessità, nuove azioni a sostegno delle categorie più colpite. La decisione di approvare il bilancio entro la fine dell’anno va nella stessa direzione: volevamo essere operativi fin dal 1° gennaio 2021, così da farci trovare pronti per ogni evenienza ed evitare la complicazioni dell’esercizio provvisorio anche solo per pochi giorni”.

Più nel dettaglio, in ambito tributario Imu e addizionale Irpef resteranno dunque ‘bloccate’ anche nel 2021: a Maranello la prima è invariata dal 2012, la seconda dal 2015. Non ci saranno aumenti nemmeno su rette e tariffe relative ai servizi: il Comune si farà carico del loro aggiornamento dovuto all’inflazione e tutte le agevolazioni già attive nel 2020 verranno confermate, in alcuni casi rafforzate. Discorso similare sulla Tari, che negli ultimi anni a Maranello è stata stata ridotta di alcuni punti percentuali: il Comune non ha margini di manovra sul metodo di calcolo delle tariffe deciso da Arera, ma in caso di ulteriori contraccolpi causati dalla pandemia a famiglie e aziende, valuterà l’applicazione di nuovi sconti, come è avvenuto nel 2020.

La manovra per il triennio 2021-2023 riserva inoltre una grande attenzione agli investimenti, che ammonteranno a 9,5 milioni di euro, di cui 1,3 milioni provenienti da contributi regionali, statali ed europei: 6,2 milioni saranno gestiti direttamente dal Comune, gli altri 3,3 milioni attraverso la partecipata Maranello Patrimonio. Nello specifico, scuola e sport rappresentano i capitoli di spesa più ingenti: rispettivamente 2 milioni e 5,4 milioni di euro. Il primo dato comprende l’adeguamento antisismico delle scuole medie (680mila euro) e l’efficientamento energetico di medie, elementari Rodari, materna Cassiani e nido Aquilone, che in tutto costerà 1 milione e 225mila euro. Le risorse per lo sport verranno invece impiegate per la realizzazione – partita da alcune settimane – del Parco dello Sport, forse l’opera più attesa dell’intero mandato, e per la manutenzione straordinaria degli impianti già esistenti.

Verranno anche investiti 520mila euro in manutenzioni stradali straordinarie (ciclabili comprese), 215mila euro nella riqualificazione dell’illuminazione pubblica, altri 275mila euro per il potenziamento della videosorveglianza e l’acquisto di nuovi strumenti in dotazione alla Polizia locale – in particolare per il controllo della velocità sulle strade – e 150mila euro nella cura dei parchi e nelle loro aree giochi. Sono inoltre previsti 900mila euro per l’edilizia pubblica, ambito nel quale emergono l’ultimo stralcio dei lavori (220mila euro) alla villa di Fogliano confiscata alla criminalità organizzata e la manutenzione straordinaria di alcuni immobili di proprietà comunale e dei cimiteri (in tutto 485mila euro).

A fronte di una spesa corrente (21,5 milioni) in aumento del 3,9% nel 2021, soprattutto per l’acquisto di beni e servizi legati all’emergenza covid, sono poi previste nel triennio entrate derivanti dall’alienazione di immobili (2,2 milioni euro), dalla vendita di azioni (622mila euro), dai permessi di costruzione e dalle regolazioni contabili per opere di urbanizzazione realizzate da privati (altri 3,8 milioni in tutto). Infine, l’ammontare complessivo dei nuovi mutui che si prevede di attivare nel triennio sarà comunque inferiore alla quota annuale pagata per i mutui in essere, così da abbassare l’indebitamento di un altro 28% in tre anni. Dal 2010 al 2020 il Comune e la Maranello Patrimonio lo avevano già ridotto del 48%.